Il "lato buono del colesterolo" …

Una dieta ricca di colest…

Individuate nello spazio due nuo…

[caption id="attachment_1…

AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Dal MIT: nanoparticelle che cont…

[caption id="attachment_5…

Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Bioprotesi: gel per incollare os…

Creato in Svezia, rende g…

Ipertensione e acido glutammico

[caption id="attachment_1…

Caffè: OK dell'EFSA fino a tre e…

L'ok dell'Efsa, l'Autorit…

IL 7 GIUGNO RIPARTE LA SFIDA AL …

 Milano, 06 Giugno 2014 –…

Cellule 'malate' che sfuggono al…

Le cellule tumorali si ca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: nuovi parametri sull’inizio della terapia antiretrovirale

Un linfocita T infettato dal virus HIV

Un linfocita T infettato dal virus HIV

(Cordis Eu) Una nuova ricerca dimostra che i pazienti infettati con l’HIV-1 dovrebbero ricevere la terapia antiretrovirale combinata (cART) più precocemente. Secondo lo studio pubblicato online su The Lancet, attualmente la soglia della conta delle cellule dei linfociti T (i globuli bianchi) usata per determinare quando è opportuno iniziare la cura con antiretrovirali è troppo bassa. Dovrebbero esserci non meno di 350 linfociti T contenenti la glicoproteina CD4 per microlitro (?L) di sangue. Questa scoperta dovrebbe aiutare a guidare medici e pazienti nel determinare quando è opportuno iniziare il trattamento.

I ricercatori hanno ottenuto, per questo studio, i dati di 45.691 pazienti in Europa e Nordamerica. In particolare, spiegano i ricercatori, sono stati seguiti 21.247 pazienti durante il periodo pre-cART (compresi soggetti del progetto, finanziato dall’UE CASCADE (“Azione concertata sulla sieroconversione in AIDS e la morte in Europa”), mentre 24.444 pazienti sono stati seguiti dall’inizio del trattamento.


Secondo loro, ritardare la terapia combinata fino ad una conta delle cellule CD4 di 251-350 per ?L era legata a tassi di AIDS e di morte più alti: Rispetto a pazienti che hanno ricevuto la cura a 351-450 cellule per ?L, un 28% di pazienti in più ha sviluppato l’AIDS ed è morto quanto la cura è stata iniziata più tardi. I ricercatori hanno notato che ad un minore numero di cellule CD4 corrispondeva un maggiore effetto nocivo di una cura ritardata. Ad un inizio differito della terapia combinata corrispondevano anche tassi di mortalità più alti (13%).

Gli autori dello studio hanno esaminato dati provenienti da 18 studi prospettici in Europa e Nord America e 15 di essi hanno fornito pazienti adatti cui non erano stati somministrati farmaci antiretrovirali. I pazienti aventi i requisiti adatti avevano cominciato la cART il 1 gennaio 1998 o prima. I dati dei pazienti seguiti in sette coorti durante il periodo precedente alla cART sono stati usati per valutare il rapporto tra il momento in cui è stata iniziata la cura e gli avvenimenti legati all’AIDS o alla morte, hanno spiegato i ricercatori.

“Quando i pazienti e i loro medici valutano se iniziare o meno la cura con antiretrovirali, devono metterne in relazione gli effetti benefici sui tassi di progresso dell’AIDS e di morte con diversi altre questioni,” hanno scritto i ricercatori in questo articolo.

“Non è attualmente possibile eliminare l’HIV da un individuo; per questo motivo la cura è a vita. I farmaci antiretrovirali possono essere scomodi da assumere ed hanno effetti collaterali che comprendono nausea, diarrea e mal di testa,” hanno aggiunto. “La terapia antiretrovirale combinata è associata a seri effetti tossici come epatite, collasso renale e tossicità mitocondriale e ad un maggiore rischio di malattie cardiovascolari.” Hanno sottolineato che la scelta del regime farmacologico può aiutare ad evitare questi effetti tossici.

La conta delle cellule CD4 è sempre stata un mistero nel cercare di determinare il trattamento dei pazienti infettati da HIV-1. “Le nostre scoperte dovrebbero aiutare a guidare i medici e i pazienti nella decisione riguardo quando iniziare il trattamento antiretrovirale,” hanno scritto gli autori. “L’evoluzione delle direttive è stata paragonata alle oscillazioni di un pendolo, dall’entusiasmo iniziale per una cura precoce, attraverso la cautela a causa dei preoccupanti effetti tossici e del rischio di resistenza e perdita di possibilità di cura, ai più recenti inviti ad una cura più precoce.”

Secondo i ricercatori, la diagnosi dell’HIV nei pazienti non viene fatta finché la loro conta di CD4 non scende sotto le 350 cellule per ?L o persino sotto le 200 cellule per ?L. È importante sottoporre ad analisi regolari le persone a rischio, hanno detto, aggiungendo che prima viene fatta la diagnosi prima si possono iniziare le cure.

Hanno partecipato a questo studio ricercatori provenienti da Canada, Francia, Germania, Sud Africa, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti.

The Lancet:
http://www.thelancet.com/

Documenti di Riferimento: When to Start Consortium (2009) Timing of initiation of antiretroviral therapy in AIDS-free HIV-1-infected patients: a collaborative analysis of 18 HIV cohort studies. The Lancet 373 (9672): 1352-1363. DOI: 10.1016/S0140-6736(09)60612-7.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!