Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eradicazione virus HIV – nuova ricerca –

Secondo una nuova ricerca, dovrebbe essere possibile combinando farmaci che bloccano la replicazione virale e molecole che impediscono la divisione delle cellule T memoria.

Un nuovo possibile metodo per l’eradicazione dell’HIV dall’organismo umano è stato scoperto da una ricerca congiunta della Vaccine & Gene Therapy Institute (VGTI) della Florida e dell’Università di Montreal.

I risultati ottenuti, riferiti in un articolo pubblicato online sulla rivista “Nature Medicine”, rappresentano anche un avanzamento nelle conoscenze delle modalità con cui il virus riesce a rimanere nell’organismo anche nei soggetti sotto trattamento farmacologico.

I progressi degli ultimi 20 anni hanno incrementato in modo significativo la sopravvivenza dei soggetti sieropositivi grazie a un cocktail di farmaci antiretrovirali, in grado di contenere la replicazione dei virus nell’organismo.


“Le terapie attuali permettono di controllare l’HIV e limintandone la progressione nella maggior parte dei casi”, ha spiegato Rafick-Pierre Sékaly, direttore scientifico del VGTI Florida, e autore senior dell’articolo. “Tuttavia, le terapie non eradicano la malattia, poiché il virus rimane in alcuni ‘serbatoi’ senza venire distrutto. È questo attualmente l’ostacolo più arduo da superare.”

La nuova ricerca ha permesso di individuare due sottoinsiemi di linfociti T memoria CD4+ – noti come T-CM, da central memory, e T-TM, da transitional memory, – in cui il virus può continuare a sopravvivere. Una volte infettate le cellule T, infatti, l’HIV non si replica così come fa negli altri tipi di cellule, ma rimane nei linfociti T memoria anche dopo la divisione cellulare.

“Sulla base di questi risultati, crediamo che sia possibile mettere a punto un metodo per eradicare l’HIV dal corpo, da utilizzare in un approccio combinato”, ha spiegato Sékaly. “Proponiamo di utilizzare farmaci che impediscono la replicazione virale insieme con molecole che impediscono la divisione delle cellule T memoria.
Riteniamo che adottando congiuntamente questi due metodi sia possibile eliminare i serbatoi di HIV che attualmente rimangono all’interno del corpo umano, fino a una totale eradicazione.”


(Le scienze, l’Espresso)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!