Progetto Athena scopre il segret…

Ricercatori del progetto …

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

I dati relativi all’impiego, in …

Milano, 29 ottobre 2013 –…

Farmaci tiroide: raccomandazioni…

'Fino a quando non sarann…

PSA e tumore alla prostata: occh…

Ogni anno in Italia si re…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Cattivo umore: non è sempre nega…

Essere scontrosi e di cat…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Olaparib: nuovo farmaco anti-cancro, PARP-inibitore

Un nuovo tipo di farmaco contro il cancro, sperimentato in Inghilterra in uno studio diretto dall’Institute of Cancer Research, si e’ dimostrato molto promettente nei primi trial. Si tratta dell’olaparib, somministrato a 19 pazienti affetti da tumore del seno, delle ovaie o della prostata di tipo ereditario, perche’ causato da mutazioni dei geni BRCA1 and BRCA2. In 12 di questi pazienti – nessuno dei quali aveva risposto a precedenti terapie – il tumore si e’ ridotto o stabilizzato, come si legge sul New England Journal of Medicine. Uno dei primi pazienti trattati con questa nuova cura e’ ancora in remissione dopo due anni. L’olaparib – parte di una nuova classe di farmaci chiamati PARP-inibitori – e’ particolarmente interessante perche’ colpisce le cellule malate, lasciando intatte quelle sane. I ricercatori, che hanno lavorato insieme all’azienda farmaceutica AstraZeneca, hanno osservato che i pazienti hanno subito pochi effetti collaterali e hanno trovato la cura meno difficile da tollerare della chemioterapia.

“Questo farmaco ha prodotto risultati davvero impressionanti, per la capacita’ di ridurre i tumori dei pazienti”, afferma il dottor Johann de Bono, che ha lavorato alla ricerca. Ora l’equipe e’ pronta per trial su piu’ larga scala e anche per testare il farmaco su altri tipi di tumore del seno e delle ovaie, piu’ comuni: “Ci aspettiamo che l’olaparib sia altrettanto efficace”, secondo un altro ricercatore che ha lavorato al progetto, il professor Stan Kaye.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!