Immaginare parole che descrivono…

Indagato il ruolo della s…

Osteoporosi: nuove molecole aiut…

[caption id="attachment_9…

Ictus: migliora grado di attenzi…

La maggioranza delle pe…

Lo zucchero amplifica efficacia …

'Basta un poco di zucche…

Trapianto reni: si valutano le s…

[caption id="attachme…

[ADUC] Cellule staminali per rip…

Ci sono studi che possono…

Lanciato nuovo sito finanziato d…

È stato appena lanciato u…

Asma: otto milioni di italiani v…

Grazie alla collaborazion…

Controllo dei raggi UV: presto u…

Un apparecchio sviluppato…

Come lavorano i leucociti "Natur…

Un team di scienziati del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test del Dna per valutare il rischio di cancro al polmone

Respiragene test

Respiragene test

OCEANIA – N.ZEALAND

(Aduc – Salute )Perche’ ci sono persone che pur avendo sempre fumato non hanno mai sofferto di cancro al polmone, mentre altre ne sono state colpite benche’ non avessero mai acceso una sigaretta in vita loro? Il quesito ha originato gli studi del genetista Young, che sono sfociati da poco nel test Respiragene.

Avendo dimostrato che alcune persone sono portatrici di marcatori genetici che le rendono piu’ vulnerabili a quella malattia, l’idea ha suggerito di proporre un calcolo personalizzato del rischio, combinando analisi genetica e dati sanitari del paziente.


Prodotto dalla societa’ Synergenz BioScience Ltd, legata all’Universita’ di Auckland, il test e’ stato presentato in Nuova Zelanda all’inizio di giugno, dove puo’ gia’ essere comprato al prezzo di 275 dollari (123 Usd). Esso consente di classificare le persone in tre categorie: a rischio moderato, alto, molto alto.

E’ molto facile da usare (basta strofinare un bastoncino all’interno della guancia), il prelievo viene inviato in un laboratorio dove i risultati vengono interpretati in funzione delle informazioni date dai pazienti -eta’, eventuale bronchite cronica, enfisema, familiarita’, ma, stranamente, non il numero di sigarette fumate.

“Le nostre ricerche non hanno dimostrato differenze nei risultati tra chi fuma 10 sigarette al giorno o 20”, spiega Steve Markscheid, responsabile della comunicazione dell’azienda.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!