Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Sensore intelligente: 5 secondi …

[caption id="attachme…

Bambini esposti a violenza tra l…

I bambini esposti a viole…

Sclerosi Laterale Amiotrofica: a…

Avviata presso l'Universi…

Lotta al diabete: Verso la partn…

Il diabete colpisce quasi…

Gas intestinali possono essere a…

Il gas presente nel nostr…

Cancro ai polmoni: tra le donne …

Il cancro al polmone è de…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Il fungo della formica zombi

L'anomalo comportamento d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

TUMORI: 51 GENI INDICANO L’INTENSITA’ DELLA CURA, LA DURATA, LE CHANCE DI SOPRAVVIVENZA

La proteina BTG e il controllo del ciclo cellulare

La proteina BTG e il controllo del ciclo cellulare

Le pazienti con il cancro al seno potranno sapere se hanno buone possibilita’ di guarire dalla malattia, oppure se avranno necessita’ di cure e trattamenti piu’ intensivi. Un set di 51 geni potrebbe dare informazioni sufficienti sulla prognosi di ogni paziente. La ricerca, presentata all’Accademia di Sahlgrenska, Universita’ di Gothenburg, Svezia, ha permesso di individuare un gruppo di geni la cui espressione puo’ permettere di prevedere il livello di trattamento necessario per ogni paziente. “Molti pazienti con il cancro al seno attualmente ricevono piu’ cure di quelle necessarie, mentre altri non ne ricevono abbastanza”, ha detto Elin Karlsson, ricercatrice a capo dello studio. “Distinguere i pazienti che hanno una migliore prognosi eviterebbe di sprecare tempo e risorse per cure non necessarie.



Allo stesso tempo, i pazienti che hanno una prognosi sfavorevole potrebbero essere identificati prima e ricevere maggiori trattamenti”. Il gruppo di ricerca ha analizzato dei campioni di tessuto tumorale provenienti da pazienti affetti da cancro al seno. I campioni analizzati provenivano sia da pazienti morti per la malattia, sia da altri che erano sopravvissuti a piu’ di 10 anni dalla diagnosi del tumore. “Abbiamo riscontrato delle differenze tra i due gruppi nell’espressione di 51 geni particolari”, spiega la Karlsson. “E’ possibile utilizzare queste differenze genetiche per dividere i pazienti in due gruppi, uno a prognosi favorevole, l’altro a prognosi sfavorevole, e assegnare a ciascuno la corretta dose di cure necessarie”.



La stessa ricerca ha individuato un altro fattore che puo’ aiutare nella previsione del trattamento del cancro al seno: una proteina di nome BTG2. Gia’ conosciuta per essere un soppressore dei tumori, diversi livelli della proteina sono stati trovati nei pazienti a seconda della loro capacita’ di sopravvivenza al tumore al seno. I pazienti che erano sopravvissuti almeno 5 anni dopo la diagnosi avevano una maggiore quantita’ di BTG2 rispetto agli altri. “Ulteriori ricerche sono necessarie, ma pensiamo che anche BTG2 puo’ essere un segnale per prevedere quali pazienti avranno bisogno di maggiore sorveglianza”, ha aggiunto la Karlsson.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!