Sindrome del cromosoma X fragile…

Ricercatori dell'Univ…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

La cura del diabete con le stami…

Staminali come fabbr…

Emergenza Ebola in Guinea (59 mo…

"E' ebola". La conferma a…

HIV: cronologia di una lunga ric…

[caption id="attachment_3…

Ovuli e spermatozoi creati proge…

La cellula 'madre' che dà…

Proteine di trasporto: novita' e…

[caption id="attachment_7…

Dieta mediterranea salvaguarda s…

Seguire la dieta mediterr…

Epatite C: in Italia sono 1,5 mi…

L'Epatite C e' la prima …

La teoria dei neuroni che gestis…

Il nuovo studio ha anche …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arriva CellScope per diagnosi col cellulare


Diagnosi più veloci grazie al telefonino. Ricercatori americani hanno ideato un gadget da cellulare che permette di avere immagini dettagliate di campioni di sangue, da analizzare per diagnosticare rapidamente patologie come la tubercolosi. Il dispositivo si chiama CellScope e funziona come un microscopio a fluorescenza, permettendo di identificare i marker delle malattie nel sangue grazie al loro colore. L’obiettivo degli inventori, si legge su ‘Plos One’, è quello di utilizzare l’apparecchio nei Paesi in via di sviluppo, dove le strumentazioni diagnostiche avanzate sono rare, ma i cellulari sono invece ormai diffusi.


CellScope è in grado di rilevare molecole spia come i batteri segno di tubercolosi, sfruttando l’effetto fluorescente che li rende riconoscibili se illuminati in un certo modo.


Secondo David Breslaure dell’University of California a Berkeley, l’innovazione consiste nel fatto che “abbiamo integrato il microscopio speciale in un telefonino portatile con telecamera da 3.2 megapixel”. Il gadget è dotato anche di un sistema per sorreggere i vetrini con campioni di sangue da analizzare. Grazie all’impiego di filtri ottici e a speciali diodi che emettono la luce, il dispositivo secondo gli inventori rappresenterà una sorta di mini-clinica portatile, particolarmente utile nei Paesi in via di sviluppo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi