Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La chiave dell’infertilita’ maschile e’ in un gene

In un gene c’e’ la chiave di un tipo di infertilita’ maschile, una chiave che potra’ essere usata per eliminare i problemi della fecondazione in vitro, ma anche per sviluppare un contraccettivo maschile. Ricercatori dell’Oxford University (Gran Bretagna), Ghent University (Belgio) e l’Universita’ di Massachusetts, Amherst (Stati Uniti) hanno infatti scoperto una mutazione genetica responsabile della mancata attivazione e sviluppo della cellula uovo.
La scoperta, pubblicata sulla rivista Human Reproduction, apre la strada a nuovi trattamenti per le coppie con problemi di infertilita’, ma anche ad un possibile ‘pillolo’ per l’uomo.

‘La mutazione che impedisce all’uovo di svilupparsi e’ quella in una proteina dello spermatozoo chiamata PLC zeta’ ha spiegato John Parrington del Department of Pharmacology dell’Universita’ di Oxford. ‘Questa proteina viene iniettata dallo spermatozoo nell’uovo durante la fecondazione. La cellula uovo e’ come in uno stato di attivita’ sospesa: l’arrivo di PLC zeta da’ inizio al processo di sviluppo dell’embrione’.

Tuttavia, la mutazione del gene per questa proteina potrebbe determinare dei malfunzionamenti, oppure non produrre abbastanza proteina da dare vita al processo di sviluppo. ‘La mutazione e’ in un punto critico del meccanismo della fertilita’ ha detto Parrington. ‘Dalle nostre analisi su pazienti che si erano sottoposti senza successo a fecondazione assistita, abbiamo scoperto che la mutazione di PLC zeta potrebbe essere la causa dell’insuccesso’. I ricercatori hanno quindi svolti degli esperimenti sui topi, iniettando la versione corretta del gene per PLC zeta per produrre abbastanza proteina. ‘Gli esperimenti sono stati un successo, e la cellula uovo si e’ sviluppata in embrione. Per le coppie che non riescono ad avere un bambino tramite fecondazione assistita, un simile trattamento potrebbe dare nuove speranze’. Per quanto riguarda i contraccettivi maschili, i ricercatori sono piu’ cauti. ‘E’ praticamente un cliche’ il fatto che ogni passo avanti nel campo della fertilita’ possa portare ad un contraccettivo maschile’ ha detto Parrington. ‘Tuttavia, sappiamo che questa proteina e’ determinante per lo sviluppo dell’uovo. Se si trovasse un medicinale che blocca PLC zeta senza influenzare altre proteine, una pillola contraccettiva maschile potrebbe diventare realta’.



ADUC Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!