Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’ uro- andrologia chiru…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Approvato in Europa un nuovo tes…

[caption id="attachme…

Quando un semplice esame del san…

[caption id="attachme…

Aids: vaccino preventivo accumul…

Lo studio ha dimostrato u…

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Maculopatia trattata con cellule…

L'uso di staminali ricava…

SIPPS, integrazione e disabilità…

Roma, 5 aprile 2013 – Il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il colesterolo alto a 40 anni aumenta il rischio di demenza in età più avanzata

Uno studio finanziato dall’UE ha scoperto che il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare per le persone con un livello elevato di colesterolo nel sangue a partire dai 40 anni è maggiore rispetto ai soggetti il cui livello di colesterolo è ottimale. I risultati di tale ricerca, finanziata in parte dal Programma Marie Curie per la formazione iniziale (EST), sono stati pubblicati sulla rivista Dementia & Geriatric Cognitive Disorders.

Ricercatori del Kaiser Permanente Division of Research negli Stati Uniti e dell’Università di Kuopio in Finlandia hanno esaminato dati raccolti da 9.844 uomini e donne nel corso di un periodo di 40 anni. Secondo i loro calcoli, il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer in età più avanzata era maggiore del 66% nelle persone che presentavano un livello di colesterolo di almeno 240 milligrammi per decilitro (mg/dl) di sangue durante la mezza età.

I ricercatori hanno anche scoperto però che i livelli tra 200 e 239 mg/dl nella mezza età aumentavano il rischio di demenza vascolare in età più avanzata del 52%. La demenza vascolare è la seconda forma principale di demenza dopo il morbo di Alzheimer ed è associata a problemi che interessano la circolazione del sangue nel cervello.

I livelli di colesterolo sono stati raggruppati in 3 categorie sulla base delle direttive dell’Adult Treatment Panel (ATP) III del 2002: 200 mg/dl (ottimale); 200-239 mg/dl (limite) e 240 mg/dl (alto).

“Il nostro studio mostra che anche un livello di colesterolo moderatamente alto tra i 40 e i 50 anni provoca un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare decenni più tardi,” ha spiegato la dott.ssa Rachel Whitmer del Kaiser Permanente Division of Research. “Considerando che quasi 100 milioni di americani hanno livelli di colesterolo alti o ai limiti, questo risultato è preoccupante,” ha spiegato la ricercatrice, una degli autori dello studio.

“La nota positiva è che quello che fa bene al cuore fa bene anche al cervello e che questo è un fattore di rischio precoce per la demenza che può essere modificato e gestito abbassando il colesterolo attraverso uno stile di vita sano,” ha aggiunto.

I soggetti che hanno partecipato allo studio, tutti membri del Kaiser Permanente Northern California Medical Group, sono stati sottoposti ad esami del sangue tra il 1964 e il 1973, quando avevano un’età compresa tra i 40 e i 45 anni; erano inoltre membri del piano per la salute del gruppo nel 1994. Il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare sono stati determinati attraverso verbali medici tra il 1994 e il 2007.

I risultati hanno mostrato che all’interno del campione comprendente 9.844 soggetti, a 598 sono stati diagnosticati il morbo di Alzheimer o la demenza vascolare ad un’età compresa tra i 61 e gli 88 anni.

“I nostri risultati danno un contributo alle esistenti prove di un grado di sovrapposizione tra i due tipi di demenza in termini di fattori di rischio, sintomi e neuropatologia,” ha detto l’autrice principale, la dott.ssa Alina Solomon del Dipartimento di neurologia dell’Università di Kuopio.

“La demenza e le malattie cardiovascolari sono gravi problemi di salute molto diffusi, condividono diversi fattori di rischio e spesso si verificano contemporaneamente, interagendo l’uno con l’altro. Un approccio olistico che si rivolge a molteplici problemi di salute gravi contemporaneamente è necessario per gestire in modo efficace questi disturbi.”

Questo è stato il primo studio a esaminare livelli di colesterolo limite e demenza vascolare ma non ha preso in considerazione i meccanismi del legame tra livelli di colesterolo e demenza.

Altri ricercatori che hanno partecipato allo studio provenivano dal Karolinska Institutet in Svezia e dalla Boston University School of Medicine negli Stati Uniti.

Per maggiori informazioni, visitare:

Rivista Dementia & Geriatric Cognitive Disorders – fare click:
qui

Kaiser Permanente:
https://www.kaiserpermanente.org/

Universià di Kuopio:
http://www.uku.fi/english/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: