Nell'emisfero sinistro la capaci…

< Ricercatori del Medea e…

Prosegue il dibattito sulle tema…

All’XI International Bien…

Nuovo farmaco antitumorale dal v…

[caption id="attachment_6…

Predisposizione ai tumori: indiv…

Una mutazione genetica …

Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

Trapianto di organi da neonato: …

Fegato e reni sono stati …

Vaccino: flop dovuto a 10 mutazi…

(ANSA)Il virus dell'influ…

Nella bile il segreto della long…

[caption id="attachment_9…

MEDICINE TRADIZIONALI, COMPLEMEN…

Sen. Romani, VicePresiden…

Sindrome metabolica: trovata una…

Ricercatori dell'Universi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia di Kennedy: promettenti studi italiani

diagramma malattia di Kennedy

diagramma malattia di Kennedy

I disordini neurogenerativi finora incurabili potrebbero essere sconfitti da una nuova terapia sviluppata da scienziati italiani. Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neuron, promette infatti di combattere la malattia di Kennedy (Atrofia muscolare spinale e bulbare) grazie a un trattamento diretto sul muscolo. “La malattia di Kennedy causa debolezza muscolare e atrofizzazione dei muscoli”, ha spiegato Maria Pennuto, del dipartimento di Neuroscienza dell’Istituto italiano di tecnologia di Genova.

“Recenti scoperte hanno rivelato che una mutazione del gene per il recettore degli androgeni (AR) causa questa malattia, creando un accumulo di proteine dannose per i nervi muscolari”. I ricercatori hanno quindi identificato due sostanze, Akt e IGF-1, che riescono a bloccare l’attivazione dei recettori AR. “Questo impedisce l’accumulo di proteine dannose nel muscolo e la sua degenerazione”, ha detto Pennuto. “Inoltre, queste sostanze hanno aumentate le performance motorie, il peso e la sopravvivenza dei topi in cui sono state sperimentate. Il nostro studio e’ il primo a dimostrare un trattamento efficace per questa malattia finora incurabile”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!