Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

La demenza cancella anche il ric…

[caption id="attachment_7…

Sigaretta elettronica: ricercatr…

Stesso gusto, stesso …

Prorogata la scadenza della terz…

30 novembre il nuovo term…

Creata prima retina da cellule s…

[caption id="attachment_7…

Endometriosi severa: fertilità a…

la conservazione degli ov…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Autunno: acido folico nelle donn…

Piatti ricchi di acido fo…

Intelligenza: segreto nascosto t…

L'analisi delle connessio…

Rientro a scuola con qualche chi…

La Società Italiana di Pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia di Kennedy: promettenti studi italiani

diagramma malattia di Kennedy

diagramma malattia di Kennedy

I disordini neurogenerativi finora incurabili potrebbero essere sconfitti da una nuova terapia sviluppata da scienziati italiani. Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neuron, promette infatti di combattere la malattia di Kennedy (Atrofia muscolare spinale e bulbare) grazie a un trattamento diretto sul muscolo. “La malattia di Kennedy causa debolezza muscolare e atrofizzazione dei muscoli”, ha spiegato Maria Pennuto, del dipartimento di Neuroscienza dell’Istituto italiano di tecnologia di Genova.

“Recenti scoperte hanno rivelato che una mutazione del gene per il recettore degli androgeni (AR) causa questa malattia, creando un accumulo di proteine dannose per i nervi muscolari”. I ricercatori hanno quindi identificato due sostanze, Akt e IGF-1, che riescono a bloccare l’attivazione dei recettori AR. “Questo impedisce l’accumulo di proteine dannose nel muscolo e la sua degenerazione”, ha detto Pennuto. “Inoltre, queste sostanze hanno aumentate le performance motorie, il peso e la sopravvivenza dei topi in cui sono state sperimentate. Il nostro studio e’ il primo a dimostrare un trattamento efficace per questa malattia finora incurabile”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi