Obesità: il palloncino per la ri…

Prima sperimentazione al …

Dal cervello al viso L'equilibri…

Quattrocento esperti da t…

Nobel 2014 per la chimica a chi …

(ANSA)Il Nobel per la Chi…

Un aborto non pregiudica la succ…

Le moderne tecniche di …

Alzheimer e prevenzione: inizian…

Prevenire l'Alzheimer con…

Botox: istruzioni per un uso più…

Volto più disteso e sguar…

Superbroccoli sempre più antican…

Scienziati statunitensi h…

Meccanismi di comunicazione tra …

[caption id="attachme…

Mappatura del genoma di una cell…

Introducendo una fase di …

In neurologia gli equivalenti of…

Affrontato a Milano il te…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neuroni e sovrappeso: ecco l’ordine di successione

Didascalia: "Livelli ottimali di leptina nel cervello sono necessari per il controllo del peso corporeo e del metabolismo".

Didascalia: "Livelli ottimali di leptina nel cervello sono necessari per il controllo del peso corporeo e del metabolismo".

Sarebbero due gruppi di neuroni a controllare i livelli di grasso nel corpo; questo almeno nei moscerini della frutta che però, secondo gli scienziati, è una cosa che avviene più o meno allo stesso modo che negli esseri umani. I ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) suggeriscono così che i neuroni influenzano l’immagazzinamento del grasso, e quindi i livelli, da parte del cervello allo stesso modo nei moscerini della frutta che nei mammiferi. Il cervello dei mammiferi prende le informazioni circa il l’immagazzinamento del grasso corporeo da ormoni come leptina e insulina, e risponde a tali informazioni inducendo cambiamenti nell’assumere cibo e nel metabolismo per mantenere costante il peso corporeo.

Gli scienziati hanno scoperto che mettendo a tacere questi neuroni i moscerini diventavano obesi, mentre quando venivano iperattivati i moscerini dimagrivano. Nel caso specifico, mettendo a tacere un gruppo di neuroni si è verificato un aumento di appetito e assunzione di cibo da pare dei moscerini, con un corrispondente rallentamento del metabolismo e aumento della sintesi degli acidi grassi. Agendo su l’altro gruppo si è mostrato un similare rallentamento del metabolismo e un difetto nell’utilizzo delle scorte di grasso da parte dell’organismo. Il passo successivo, annunciano i ricercatori, sarà quello di capire esattamente come i neuroni regolino i depositi di grassi e in che modo i due diversi gruppi di neuroni identificati in questo studio agiscano specificatamente, dato che regolano il processo in modi diversi. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Neuron”

La Stampa – benessere –

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Neuroni e sovrappeso: ecco l’ordine di successione | ..::::LIQUIDAREA::::.. https://www.liquidarea.com/2009/08/neuroni-e-sovrappeso-ecco-lordine-di-successione – view page – cached Sarebbero due gruppi di neuroni a controllare i livelli di grasso nel corpo; questo almeno nei moscerini della frutta che però, secondo gli scienziati, — From the page […]

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x