Sclerosi multipla e cellule stam…

Ad un anno dall'avvio del…

Alcool, invecchiamento precoce e…

[caption id="attachment_7…

Trapianto di midollo: possibile …

E' l'ultima frontiera del…

La probabilità di Trombosi aumen…

Fai un salto di qualità n…

AIDS, secondo l'ICGEB per combat…

Risvegliare il virus …

Fibromialgia: affligge 290.000 l…

“Perché si diventa fibrom…

Artrite reumatoide: il bilancio …

[caption id="attachme…

Ossido di azoto, NO sintasi e re…

[caption id="attachment_2…

BPCO: arricchire le conoscenze p…

Milano, 17 settembre 2013…

SI CELEBRA OGGI LA IX GIORNATA M…

“Non abbiamo fatto tanta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neuroni e sovrappeso: ecco l’ordine di successione

Didascalia: "Livelli ottimali di leptina nel cervello sono necessari per il controllo del peso corporeo e del metabolismo".

Didascalia: "Livelli ottimali di leptina nel cervello sono necessari per il controllo del peso corporeo e del metabolismo".

Sarebbero due gruppi di neuroni a controllare i livelli di grasso nel corpo; questo almeno nei moscerini della frutta che però, secondo gli scienziati, è una cosa che avviene più o meno allo stesso modo che negli esseri umani. I ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) suggeriscono così che i neuroni influenzano l’immagazzinamento del grasso, e quindi i livelli, da parte del cervello allo stesso modo nei moscerini della frutta che nei mammiferi. Il cervello dei mammiferi prende le informazioni circa il l’immagazzinamento del grasso corporeo da ormoni come leptina e insulina, e risponde a tali informazioni inducendo cambiamenti nell’assumere cibo e nel metabolismo per mantenere costante il peso corporeo.

Gli scienziati hanno scoperto che mettendo a tacere questi neuroni i moscerini diventavano obesi, mentre quando venivano iperattivati i moscerini dimagrivano. Nel caso specifico, mettendo a tacere un gruppo di neuroni si è verificato un aumento di appetito e assunzione di cibo da pare dei moscerini, con un corrispondente rallentamento del metabolismo e aumento della sintesi degli acidi grassi. Agendo su l’altro gruppo si è mostrato un similare rallentamento del metabolismo e un difetto nell’utilizzo delle scorte di grasso da parte dell’organismo. Il passo successivo, annunciano i ricercatori, sarà quello di capire esattamente come i neuroni regolino i depositi di grassi e in che modo i due diversi gruppi di neuroni identificati in questo studio agiscano specificatamente, dato che regolano il processo in modi diversi. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Neuron”

La Stampa – benessere –

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!