La memoria: non solo neuroni

La formazione di memorie …

Dal latte materno una proteina p…

Una proteina comples…

Cancro al seno: non sempre il ca…

Le donne che consumano ca…

Trapianti di fegato: se parziali…

Il trapianto di fegat…

Proteine: il percorso che le por…

Identificato un percorso…

Meditazione e preghiera: ricerca…

[caption id="attachment_5…

Lega Italiana Contro l'Epilessia…

Roma, 22 aprile 2013 - La…

Fibrillazione Atriale: molti paz…

Nuove analisi eviden…

Cervello: individuate le aree ch…

Lo studio dell'Univer…

Artrite reumatoide, e le capacit…

Mangiare una porzione…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un collegamento genetico tra dolore fisico e rifiuto sociale

Recettore oppioidi ( OPRM1 )

Recettore oppioidi ( μ OPRM1 )

Una delusione d’amore manda il cuore in pezzi. E fa realmente male alla vittima di Cupido. Un gruppo di ricercatori dell’Universita’ della California ha infatti scoperto un collegamento genetico tra il dolore fisico e il rifiuto sociale. Questo significa, secondo quanto riportato dalla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, che la rottura di un rapporto puo’ essere davvero molto dolorosa anche a livello fisico. Gli scienziati hanno trovato che il gene ‘OPRM1′ (recettore mu per gli oppioidi), che regola i piu’ potenti antidolorifici del nostro corpo, e’ anche coinvolto nelle esperienze sociali molto dolorose. Una variazione di ‘OPRM1′, spesso associata al dolore fisico, e’ legata anche alla quantita’ di dolore sociale che una persona sente quando viene rifiutata. Alcune persone, in particolare, presentano una rara forma del gene e sono piu’ sensibili al rifiuto e quindi al dolore sociale. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato i campioni di saliva di 122 volontari per capire quale versione del gene ‘OPRM1′, quella piu’ sensibile o meno, avevano i soggetti. In primo luogo, i volontari hanno risposto a una serie di domande per misurare la propria sensibilita’ al rifiuto.

Sono stati invitati poi a esprimere il proprio accordo o disaccordo con affermazioni tipo “Io sono molto sensibile a tutti i segnali di una persona che non vuole parlare con me”. Infine, i ricercatori hanno testato le emozioni di 31 volontari quando sono stati volutamente esclusi da un gioco al computer che prevedeva un scambio di una palla virtuale tra i partecipanti. “Le persone con la rara forma del gene del dolore, che hanno mostrato in precedenti lavori di essere piu’ sensibili al dolore fisico, hanno anche segnalato i piu’ elevati livelli di sensibilita’ al rifiuto e hanno dimostrato una maggiore attivita’ nella regione del cervello associata al dolore sociale quando sono stati esclusi”, ha spiegato Naomi Eisenberge, una delle autrici dello studio. E’ la prima volta che gli scienziati sono riusciti a dimostrare che i geni coinvolti nel dolore fisico sono legati a loro volta a esperienze mentalmente dolorose, come quella di una rottura amorosa.


AGI

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!