Tumori: tecnologia innovativa pe…

Ricercatori finanziati da…

Beta-talassemia: la terapia gen…

[caption id="attachment_8…

A Capri una due giorni di confro…

In Italia allo stato at…

L'importanza del DNA in 3D

Una nuova tecnica messa a…

Trattamento del pene curvo con c…

FIRENZE, 2017 – Sono stat…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Neuroni e sovrappeso: ecco l'ord…

[caption id="attachme…

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

Tumori ossei: nei bambini la spe…

Utilizzare cellule stamin…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

GLI ESPERTI CONSIGLIANO DI ANTICIPARE LA TERAPIA PER LA SCLEROSI MULTIPLA

Anticipare la terapia per cambiare il destino del paziente di sclerosi multipla, regalando loro anni liberi dalla malattia. Cosi’ Giancarlo Comi, fra i massimi esperti di questa malattia neurologica invalidante che in Italia interessa 57mila persone, sintetizza il problema terapeutico attuale con natalizumab, il farmaco biologico che al Congresso Ectrims di Dusseldorf ha confermato nei numeri la sua efficacia.
‘Con l’utilizzo dell’Interferone beta 1a – sintetizza Comi, che e’ docente di Neurologia all’Universita’ Vita-Salute San Raffaele – si riduceva di un terzo la probabilita’ che si verificassero attacchi, con un calo del 20-30% della disabilita’. Con natalizumab cambiamo filosofia, si parla di quanti pazienti hanno periodi piu’ o meno lunghi liberi da attacchi. E decisamente si passa al controllo del 70% della malattia’. I dati dello studio Affirm (543 pazienti in 99 centri nel mondo) discussi a Dusseldorf, parlano del 37% di pazienti trattati con natalizumab senza segni clinici e radiologici di malattia dopo due anni (rispetto al 7% trattati con placebo). Ancora migliori quelli registrati da Comi su 250 pazienti del San Raffaele (in stadio piu’ avanzato, viste le restrizioni al trattamento imposte dall’AIFA) dove dopo due anni e’ risultato libero da malattia il 54% di essi e dove la frequenza della ricaduta e’ calata del 90% (il 67% in Affirm). ‘Certo, i rischi ci sono, con un farmaco che abbassa le difese immunitarie – dice il neurologo – ma non c’e’ dubbio che dobbiamo accettarne qualcuno per combattere una malattia che esordisce a 29 anni e che in 20 anni ti manda sulla sedia a rotelle, cosi’ che 3/4 dei malati sono disabili. E, sia per evitare maggiori danni al malato, ma anche perche’ un disabile costa molto di piu’ al sistema sanitario – conclude Comi – stiamo cercando di convincere l’Aifa a farci utilizzare al meglio il natalizumab, soprattutto agli esordi della malattia piuttosto che quando essa e’ gia’ grave, in attesa di altre valide opzioni terapeutiche attese a breve’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!