ESC (European Society of Cardiol…

Essere sopravvissuti a un…

Prosegue il dibattito sulle tema…

All’XI International Bien…

Sindrome del cromosoma X fragile…

Ricercatori dell'Univ…

Pediatria: bambino affetto da un…

Un bimbo salvato dagli ef…

Ictus: anche quelli di lieve ent…

Anche se apparentemente p…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’UNITA’ COMPLESSA DI URO…

Perché "NO" ai bambini nel letto…

Dormire nel lettone d…

HPV: potrebbe essere causa di in…

Non solo un'insidia in ro…

L'intelligenza risiede in alcune…

[caption id="attachment_6…

Fondazione Cesare Serono e Cesar…

La mia vita Con(tro) la S…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanotubi di carbonio e frammanti di DNA per un ‘fast detect’ del tifo

batterio Salmonella

batterio Salmonella

Un gruppo di ricerca della Rovira i Virgili University (URV) di Tarragona ha sviluppato un biosensore in grado di rivelare immediatamente livelli anche molto bassi di Salmonella typhi, il batterio che causa il tifo.


La tecnica utilizza nanotubi di carbonio e frammenti di DNA sintetico che attivano un segnale elettrico quando entrano in contatto con l’agente patogeno.



“Abbiamo sviluppato un biosensore innovativo che rivela concentrazioni estremamente basse di batteri in modo immediato, affidabile e facile”, ha commentato F. Xavier Rius, del Dipartimento di chimica organica della URV e primo autore dell’articolo apparso sulla rivista “Angewandte Chemie”.

Il cuore del dispositivo è un insieme di aptameri, piccoli frammenti di DNA ed RNA artificiali progettati in modo da legarsi in modo selettivo a particolari molecole, cellule o microrgamismi, in questo caso il batterio del genere Salmonella. Se i batteri non sono presenti, gli aptameri rimangono aderenti alle pareti dei nanotubi di carbonio, tuttavia, quando rivelano i batteri, si attivano legandosi a essi. Il nanotubo di carbonio, in tali condizioni, genera un segnale elettrico che viene catturato da un semplice potenziometro connesso al biosensore.

“La presenza dei batteri innesca un cambiamento nell’interazione tra gli aptameri e il nanotubo, che ha luogo in pochi secondi e crea un incremento di potenziale dell’elettrodo, rispetto agli uno o due giorni necessari attualmente”, ha continuato Rius. “Questa tecnica fa sì che piccole quantità di microranismi siano sufficienti per la rivelazione in tempo reale.”

Secondo quanto annunciato, il nuovo biosensore rende possibile identificare una singola cellula di Salmonella in un campione da cinque millilitri e una concentrazione di 1000 batteri per millilitro.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!