Festività Natalizie: dalla Socie…

Roma, 20 dicembre 2018 – …

Sclerosi Multipla: staminali del…

È questa la prospettiva, …

Alzheimer: micro-stimolazioni ce…

Recenti studi sperimental…

Artrite: potrebbe essere causa d…

Chi soffre di artrite…

Linee guida per la ricerca farma…

[caption id="attachment_8…

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Schizofrenia e DNA spazzatura, s…

Alcune sequenze di Dna, r…

Si può vivere con un solo emisfe…

[caption id="attachment…

Eroina: sale il consumo, in mani…

Boom del consumo di eroin…

Eccellenza “targata” all’Urologi…

Una targa prestigiosa - c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Angina cronica: alta la percentuale di pazienti costretti a sopportare dolori

diagramma angina

diagramma angina

Un paziente su tre con angina cronica soffre di frequenti dolori al petto, che influiscono sulla sua qualita’ della vita. Lo ha rivelato il piu’ grande studio sulla malattia, svolto dall’Universita’ di Adelaide e dalla Servier Australia e pubblicato sugli Archives of Internal Medicine. Lo studio, che ha analizzato oltre 2 mila pazienti con angina cronica in tutta l’Australia, ha rivelato che questa malattia causa dolori piu’ frequentemente del previsto.
“Il 29 per cento dei pazienti soffre di dolori al petto almeno una volta alla settimana, nonostante i trattamenti odierni”, ha detto John Beltrame, ricercatore dell’Universita’ di Adelaide a capo dello studio. “Oltre il 60 per cento dei pazienti ha detto che la loro angina limitava le possibilita’ di godersi la vita”, ha aggiunto. Per Beltrame, i pazienti con angina sono attualmente sotto programmi terapeutici molto accurati, che controllano peso, colesterolo e pressione sanguinea. “Tuttavia, l’unico sintomo dei quali i pazienti si lamentano, i dolori al petto, non viene considerato da nessun trattamento specifico”, ha detto Beltrame. “Questo studio ci mette di fronte a molte sfide”, ha detto Nigel Stocks, dell’Universita’ di Adelaide. “I medici dovranno da ora in poi monitorare il dolore dei loro pazienti e incoraggiarli a riportare gli episodi di dolore ricorrente”, ha concluso

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x