Al Tatarella di Cerignola innova…

L’urologia del Tatarella …

Menopausa, esperti a confronto

Il 2° Congresso naziona…

Broccoli: super verdure per mant…

Il merito è della glu…

Pesci vegetariani, i migliori a …

Dare da mangiare verdure …

I neuroni deputati all'apprendim…

Una popolazione di neuron…

Un enzima contro la dipendenza d…

[caption id="attachment_5…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Paradontiti curate con cellule s…

Denti a rischio caduta pe…

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

Aspirina e tachipirina: i più ve…

Tachipirina e aspirina gu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule ombelicali riprogrammate in cellule staminali embrionali

Un team internazionale, composto da ricercatori del Salk Institute for Biological Studies di La Jolla (California) e del Center for Regenerative Medicine di Barcellona (Spagna), ha riprogrammato alcune cellule provenienti da sangue di cordone ombelicale in cellule staminali pluripotenti indotte (iPS), esprimenti quindi le funzioni delle cellule staminali embrionali. Il metodo, pubblicato sulla rivista Cell Stem Cell di ottobre, potrà rivelarsi prezioso per produrre cellule staminali in modo sicuro, secondo necessità, per varie applicazioni. Sono infatti oltre 400.000 i cordoni ombelicali conservati nel mondo.

Le cellule provenienti da sangue di cordone ombelicale sono caratterizzate da una immaturità immunologica che le rende simili alle cellule neonate. Ciò le rende maggiormente compatibili in caso di trapianto, e quindi meno soggette a reazioni di rigetto. Il vantaggioso rapporto costo/beneficio del nuovo metodo permetterà la produzione su larga scala, e il relativo stoccaggio, di linee cellulari iPS derivanti da cordone ombelicale in reti pubblicamente disponibili, che potranno offrire una valida alternativa per le future applicazioni cliniche.

Archivi