Aspirina riduce possibilità di f…

L'aspirina potrebbe ridur…

Scoperto il legame tra gene mast…

La spazzatura può avere v…

La creatività è contagiosa. La p…

· Un’iniziativa per “scuc…

Radicali liberi sopprimono l'app…

In uno studio sui circuit…

Post-interventi coronarici a ris…

Grandi sanguinamenti ch…

Fidia Farmaceutici annuncia l'ap…

Abano Terme, 18 novembre …

Pediculosi, una storia infinita …

Ancora tanti i pregiudi…

Lo "stato assorbente" delle fibr…

Un team di ricercatori te…

neurochirurgia spinale percutane…

E' ora possibile ripara…

Medicina del lavoro: sclerosi si…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diete: Test saliva svela i gusti del ‘paziente’ – potrebbe diventare un piacere perdere peso

Roma, 1 ott. (Adnkronos Salute) – Addio a diete mortificanti e difficili da seguire. Grazie a un nuovo test della saliva, assolutamente indolore, il dietologo può studiare un percorso nutrizionale che conservi all’aspirante magro il piacere di mangiare. “Il senso del gusto è il principale fattore che condiziona la volontaria ingestione dei cibi – spiega Giuseppe Fatati, coordinatore dell’Obesity Day e presidente dell’Adi (Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica), in un incontro oggi a Roma – Sappiamo da tempo che le differenze sotto questo aspetto sono legate a geni specializzati nella percezione del gusto”.


Ecco perché ogni individuo ha le sue preferenze. Non sempre però il paziente racconta al medico la sua percezione dei sapori, “spesso – dice Fatati – è approssimativo. E su queste impressioni si basa la dieta. Adesso si può misurare la percezione dei sapori con un’analisi della saliva”. Come funziona il test? “Il paziente con l’aiuto di un esperto viene invitato a compilare un breve questionario su stile di vita e abitudini alimentari. Successivamente gli viene chiesto di assaggiare quadratini di carta imbevuti di sostanze che riproducono i sapori, e di esprimere un giudizio”. Poi viene prelevato un campione di saliva per permettere analisi genotipiche per i geni TAS1R, TAS2R e TAS3R.

Così il dietologo ha il quadro esatto dei gusti del paziente e può disegnare una dieta veramente personalizzata. “E’ in fase di programmazione un progetto pilota che prevede la tipizzazione fenotipica e genotipica del gusto attraverso la saliva”, spiega Fatati. Lo studio del paziente e le analisi cliniche vengono condotte al Dipartimento di diabetologia, dietologia e nutrizione clinica dell’azienda ospedaliera S. Maria di Terni, quelle genetiche da Roberto Barale, del Dipartimento di biologia dell’Università di Pisa, sui campioni codificati e resi anonimi.


Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!