Glucosio e fruttosio: quale dei …

Studio della University o…

Melanoma: nuova terapia di vacci…

[caption id="attachment_6…

Alzheimer: studi sulla memoria p…

La citta' di Brescia e'…

Stomaco 'comunica' col cervello …

Le nostre risposte alla p…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

Alzheimer: micro-stimolazioni ce…

Recenti studi sperimental…

Il ruolo dell'amigdala come 'cen…

I ricercatori dell’Univ…

Pressione del polso alta indica …

Le persone di mezza eta' …

Vista e udito non sempre sono si…

Le persone apparentem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Retina artificiale: un’altra via per ridimensionare danni oculari

Bulbo oculare ingegnerizzato

Bulbo oculare ingegnerizzato

C’è chi sta studiando l’occhio bionico e chi invece pensa ai trapianti di retina. Nella ricerca di rimedi contro la cecità, le due strade procedono parallele ed entrambe stanno dando buoni risultati. Come dimostrano i dati presentati al Neuroscience 2009, il più importante appuntamento annuale del settore, appena conclusosi a Chicago. Gli ingegneri delle protesi hanno messo a punto una retina artificiale, composta da una serie di elettrodi da impiantare nella parte posteriore dell’occhio, che ha restituito parzialmente la vista a persone completamente cieche. Lo studio ha coinvolto 15 pazienti che hanno ricevuto l’impianto e, dopo tre mesi, sono stati sottoposti a una serie di test: dieci di loro sono riusciti a identificare la direzione di oggetti in movimento.

LUCE IN MOVIMENTO – «Questi risultati offrono nuove speranze a molte persone con malattie degenerative della retina come la retinite pigmentosa e la degenerazione maculare – ha commentato Jessy Dorn della Second Sight Medical Products (l’azienda che ha costruito la protesi). – Queste patologie provocano una perdita progressiva della visione dovuta alla distruzione delle cellule nervose». Per trasmettere gli impulsi luminosi agli elettrodi impiantati nella retina, i pazienti dello studio hanno indossato occhiali dotati di una piccola telecamera collegata a un computer attaccato alla cintura. Il computer è in grado di elaborare le immagini registrate dal video e di inviare i dati agli elettrodi impiantati nella retina. Quando i pazienti sono stati invitati a osservare un monitor scuro, dove scorreva una barra bianca, sono riusciti, grazie al dispositivo, a distinguere il movimento di quest’ultima.

CELLULE FETALI – In un altro esperimento, invece, la retina è stata «ricostruita» in laboratorio con cellule retiniche fetali. Ricercatori dell’Università della California a Irvine, hanno poi trapiantato lo strato di cellule nell’occhio di 10 pazienti, quattro con una degenerazione maculare senile e sei con retinite pigmentosa: sette di loro sono migliorati (nel senso che riuscivano a leggere delle lettere su uno schermo), in un caso la situazione è rimasta la stessa e nei restanti due la malattia è peggiorata. «Le cellule trapiantate nella retina del paziente – ha spiegato Robert Aramant, coordinatore dello studio – si sono differenziate in cellule nervose sensibili alla luce». L’intervento chirurgico non ha avuto complicazioni e non si sono osservati fenomeni di rigetto.



MOLECOLE INGEGNERIZZATE – Un terzo esperimento, questa volta condotto su animali, ha rivelato che una proteina ingegnerizzata, sensibile alla luce, è in grado di restituire la visione a roditori affetti da retinite pigmentosa. La proteina si chiama LiGluR (Light Activated Glutamate Rceptor) e può stimolare o inibire l’attività dei neuroni a seconda della lunghezza d’onda della luce. «L’esperimento – ha commentato Natalia Caporale dell’Università della California a Berkeley, primo autore dello studio – potrebbe portare a nuove terapie per i pazienti con significative perdite della capacità visiva e agli ultimi stadi della degenerazione retinica».

Corriere.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!