Policlinico di Abano Terme sempr…

Una ginecologia d’eccelle…

Carcinoma epatocellulare: movime…

L'esercizio fisico p…

Nessun senso aspettare troppo do…

[caption id="attachment_8…

Colesterolo: linee guida sul tra…

La Mayo Clinic contesta l…

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO …

Roma, 30 settembre 2014 –…

Infiammazioni intestinali: prote…

La malattia infiammatoria…

Diabete: ripercussioni sullo sta…

L'eta' in cui si svilupp…

Il gene che fa 'battere il cuore…

La ricerca apre nuove pro…

Basse dosi di aspirina potrebber…

L'uso regolare di un…

L'FDA riconosce a XEN402 lo stat…

Gerusalemme, Israele&…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alcol e mal di testa: due geni dietro le concause

MILANO – E’ colpa di due diverse varianti geniche se alcune persone non possono bere minime quantità di vino, birra o liquori senza incorrere rispettivamente in violenti attacchi di emicrania o in feroci cefaleee a grappolo. In particolare, la relazione alcol-cefalea a grappolo è stata dimostrata da uno studio condotto dal gruppo di Lorenzo Pinessi, direttore del Centro Cefalee dell’ Università di Torino, e pubblicato sulla rivista Headache.

L’alcol – spiega Pinessi – è una sostanza tossica che, dopo l’ingestione, deve essere rapidamente metabolizzata per evitare danni all’organismo. Due enzimi, l’alcol deidrogenasi e l’ aldeide deidrogenasi, localizzati nel fegato, sono responsabili della sua rapida degradazione.
“Studiando un gruppo di 200 pazienti emicranici – afferma il neurologo – ricercatori dell’ Università di Madrid hanno dimostrato che coloro che riferivano attacchi emicranici correlati all’uso di bevande alcoliche avevano una particolare variante del gene, che codifica per l’ alcol deidrogenasi 2 (ADH2)”.

Nel corso di una ricerca contemporanea a quella di Madrid, il gruppo di Pinessi ha studiato lo stesso approccio genetico su un gruppo di 110 pazienti affetti da cefalea a grappolo, malattia caratterizzata da fasi attive (il ‘grappolo’), in cui il paziente ha numerosissime crisi di cefalea, che si alternano a fasi di remissione. I ricercatori torinesi hanno visto che nel corso della fase del grappolo, l’assunzione anche di modeste quantità di alcol é in grado di scatenare violentissime crisi di cefalea, ma nella fase di remissione il fenomeno scompare. “Studiando l’ alcol deidrogenasi 4 (ADH4), un altro dei geni che regolano il metabolismo dell’alcol, ho identificato – conclude Pinessi – una variante genica che si associa in modo significativo alla cefalea a grappolo. I portatori di questa variante genica hanno un rischio significativamente superiore di sviluppare la malattia”.

ansa.it

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x