Dipendenza da eroina: il segreto…

Un team di scienziati del…

L'elettrone compie 120 anni!

La teoria dell'elettrone …

Sclerosi laterale Amiotrofica: E…

[caption id="attachment_2…

Farmaco anticolesterolo riduce e…

Il farmaco anti-colester…

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

ADHD: la risonanza magnetica a r…

I bambini e gli adolescen…

Tumori ai polmoni: spettroscopia…

[caption id="attachment_9…

Correlazione tra schizofrenia e …

La schizofrenia è una mal…

Meningite: scienziati scoprono i…

[caption id="attachment_2…

Staminali da laboratorio per le …

[caption id="attachment_3…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: a Siena impiantato uno stimolatore per controllarla

E’ stato eseguito alle Scotte di Siena un intervento innovativo su un giovane di 23 anni di Parma, che soffriva di epilessia post traumatica da molti anni, al quale stato impiantato un device simile a un pacemaker, un particolare stimolatore del nervo vago che, mandando impulsi al cervello, ne controlla l’attivita’ elettrica, regolandola e normalizzandola.

nervo vago

nervo vago




”Questa tecnica – spiega il neurochirurgo Lorenzo Genitori coordinatore dell’intervento, eseguito dai colleghi Flavio Giordano e Federico Mussa – e’ gia’ in uso presso il policlinico, ma per altre tipologie di epilessia e depressione, infatti l’aspetto innovativo di questo intervento deriva dall’avere applicato la stimolazione vagale a un caso di epilessia post-traumatica. Il paziente aveva appunto manifestato una totale resistenza alla terapia farmacologica convenzionale e non sarebbe stato possibile il solo intervento neurochirurgico di interruzione degli impulsi elettrici anomali”.
stimolazione tramite dispositivo tipo pacemaker

stimolazione tramite dispositivo tipo pacemaker

Fondamentale, riferisce una nota del policlinico Santa Maria alle Scotte, per il raggiungimento dell’eccellente risultato ottenuto, e’ stato l’inquadramento neurofisiologico, grazie al quale si e’ potuto identificare con elevata precisione le aree cerebrali interessate dal trauma causa dell’epilessia. L’intervento e’ stato eseguito circa due mesi fa ed e’ stato reso possibile grazie alla stretta collaborazione tra i medici del policlinico Santa Maria alle Scotte e quelli dell’ospedale pediatrico Meyer

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!