Silicon Biosystem annuncia: acce…

Bologna, 6 Giugno 2011 - …

Epidemia Epatite A, ed è allarme…

Pomodori essiccati al sol…

Adenovirus: puzzle della struttu…

[caption id="attachment_8…

Cellule staminali da laboratorio

Cellule staminali isolate…

Nanotubi di carbonio: come il me…

[caption id="attachment_9…

Autismo: sovrabbondanza di conne…

[caption id="attachment_8…

L'autosufficienza piena nella pr…

Roma, 20 febbraio 201…

Massa grassa: importante durante…

[caption id="attachme…

Il successo delle prenotazioni d…

L'importante ruolo delle …

Autismo: al via il progetto pedi…

Prende il via, a Vicenza,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Intervento al cuore per via percutanea contro emicrania e ictus

Un intervento non invasivo al cuore per evitare ictus e emicranie: e’ stato realizzato per la prima volta in Italia con un nuovo dispositivo che garantisce maggiore biocompatibilita’ rispetto ai dispositivi fino ad ora in uso, presso la casa di cura ‘Montevergine’ di Mercogliano in provincia di Avellino dal professor Paolo Rubino.

diagramma sezione cardiaca

diagramma sezione cardiaca

La tecnica consiste nel chiudere un piccolo tunnel (il forame ovale pervio) che mette in comunicazione nel cuore l’atrio destro con l’atrio sinistro. Questo forame e’ presente nel 25% circa della popolazione generale, ma si stima che nel mondo si verifichino 500.000 ictus cerebrali non attribuibili a cause note e che ‘nella realta – spiega Rubino, direttore della Divisione di cardiologia invasiva dell’istituto Montevergine di Mercogliano – sono da attribuire alla persistenza del ‘forame ovale pervio’.
Il 12% della popolazione mondiale, poi e’ affetto da emicrania con aura, un disturbo maggiormente presente nel sesso femminile, una malattia che incide negativamente sulla qualita’ della vita. La prevalenza del formale in questa popolazione e’ del 50% circa. Fino a 10 anni fa questo intervento era di esclusiva pertinenza cardiochirurgica ma con l’avvento delle nuove tecnologie applicate nel campo cardiovascolare e’ stato possibile effettuare questa chiusura per via percutanea con dispositivi che vengono introdotti attraverso una vena. Fino ad ora i dispositivi occlusori erano costituiti da due dischi uniti da un corpo centrale, entrambi in lega metallica. Ora il nuovo dispositivo e’ costituito unicamente da una spugna di poliuretano che occlude il tunnel, minimizzando qualsiasi ingombro e la presenza di leghe metalliche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi