TEVA annuncia i progressi degli …

- I risultati clinici per…

Dieta mediterranea: amica delle …

Tra gli effetti positivi…

Cure Palliative In Neurologia: N…

Il monito della Società I…

Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

INCONTRO CON I NUOVI TITOLARI: …

Un incontro specifico per…

Potenziare con i farmaci la capa…

36° Congresso Nazionale S…

Un nuovo algoritmo per mappare l…

Questo nuovo algoritmo di…

Aids: Annie Lennox, Su Uso Condo…

"Non ha senso che il Papa…

Gli scienziati controllano il "c…

[caption id="attachme…

Crescita ridotta nei primi tre m…

La crescita ridotta nei p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Reflusso gastroesofageo: necessarie terapie personalizzate

Due italiani su dieci lamentano sintomi da bruciore di stomaco o rigurgito almeno una volta a settimana e ben quattro su dieci almeno una volta al mese. La malattia da reflusso gastroesofageo è frequente; la scienza medica ha tanti strumenti per diagnosticarla e molti sono anche i farmaci per curarla.

Reflusso grastroesofageo in un diagramma

Reflusso grastroesofageo in un diagramma

Come utilizzarli in maniera appropriata? Se ne è parlato il 14 mattina a Pisa al congresso nazionale sulla medicina predittiva, promosso dalla società scientifica interdisciplinare Promed Galileo. Per Massimo Bellini, gastroenterologo alla unità operativa universitaria nell’ospedale di Cisanello (Pisa), specialisti e medici di famiglia dovrebbero lavorare gomito a gomito per condividere le loro esperienze e capire quando, di fronte ad un sintomo, occorre aspettare e quando invece occorre intervenire.
Tra le nuove tecniche diagnostiche: la ph-impedenziometria, che permette di capire meglio le modalità del reflusso e quindi permette al medico di scegliere una terapia meglio ‘cucita’ addosso al singolo paziente. Dalla manometria ad alta risoluzione, tecnica di avanguardia disponibile solo in pochissimi centri in Italia, ci si aspetta invece una migliore comprensione delle alterazioni anatomiche e fisiologiche che causano il reflusso. Dal simposio è emerso che sarebbe opportuno costituire un gruppo di lavoro tra medici di famiglia e specialisti per elaborare linee-guida da adottare e mettere in pratica a livello territoriale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi