Lupus Eritematoso Sistemico: il …

Il mal di testa e' un si…

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO …

Roma, 30 settembre 2014 –…

Cresce la presenza delle imprese…

Il prossimo 8 e 9 Ottobre…

Tumori al seno: avere casi in fa…

Avere in famiglia casi d…

Un gene responsabile del corrett…

[caption id="attachment…

Focolai sospetti per batteri e b…

[caption id="attachme…

Meccanismo tumorale comune tra l…

L’oncosoppressore BRCA2 è…

Altroconsumo: le nuove pillole a…

[caption id="attachme…

Parkinson: la cannella potrebbe …

Dalla spezia asiatica più…

OSCAR DELL’ECOTURISMO 2018 Alla …

Iniziativa promossa da Fo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Premiato il mondo a colori delle persone con diabete

 

 

PREMIATO IL MONDO A COLORI DELLE PERSONE CON DIABETE

Alla vigilia della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra il 14 novembre, premiati i vincitori de “Il Diabete a Colori”, il concorso di creatività per esprimere in immagini e in parole la propria vita insieme alla patologia che colpisce oltre 3 milioni di italiani. Il concorso è promosso da Lilly Italia in partnership con il Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Meyer, la Fondazione Meyer e le principali Associazioni italiane di persone con diabete.

Foto vincitrice premio 2009

Foto vincitrice premio 2009

Firenze, 12 novembre 2009 – Hanno vinto tutti. I bambini con diabete e gli adulti, i loro amici e parenti, i genitori, madri e padri orgogliosi e gli organizzatori. Hanno vinto, almeno per un giorno, la lotta al diabete, trasformando la sfida quotidiana in ispirazione creativa e in un momento di condivisione e festa. Si conclude ufficialmente con la premiazione, oggi, il concorso di creatività espressiva dal titolo “Il Diabete a Colori’ organizzato da Lilly Italia in partnership con il Centro di Diabetogia Pediatrica dell’Ospedale Meyer, la Fondazione Meyer e le principali Associazioni italiane di persone con diabete.

La consegna dei premi ha luogo alla vigilia della Giornata Mondiale del Diabete, celebrata in tutto il Mondo il 14 di novembre come stabilito dalla Risoluzione delle Nazioni Unite del dicembre 2006. Il concorso, partito a inizio 2009, ha dato la possibilità a bambini e ad adulti che convivono con il diabete di trasformare in colore, con un disegno o una prosa, la propria esperienza con la patologia.

Il concorso ha coinvolto anche i familiari, perché il diabete non riguarda solo chi ne è affetto, ma modifica profondamente anche le abitudini di vita di coloro che vivono accanto. “Questo concorso, oltre a mostrare come sia colorato e positivo il mondo delle persone con diabete che spesso si immagina grigio o oscuro, ci aiuta ogni anno a comprendere molte cose in più riguardo ai nostri pazienti e a darci forza per aumentare il nostro impegno quotidiano di assistenza” ha dichiarato Sonia Toni, Responsabile del Centro regionale di riferimento di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Anna Meyer di Firenze. “Gli elaborati che abbiamo ricevuto quest’anno andranno ad adornare la diabetologia del nuovo Meyer, mettendo di buonumore i piccoli pazienti. Al tempo stesso saranno anche nella sede di Lilly per far soffermare i dipendenti a riflettere sul contesto in cui operano spingendoli a dare sempre il massimo per migliorare la qualità di vita delle persone e sempre più ‘risposte che contano’”.

“Abbiamo allestito l’ingresso del nuovo stabilimento di Sesto Fiorentino, che produce insuline recentemente inaugurato, con gli elaborati del concorso, proprio per ispirare tutti i giorni il lavoro dei dipendenti Lilly” ha dichiarato Olivia Bacco Responsabile Manufacturing di Lilly Italia. “Per noi questo progetto rappresenta un ponte di contatto emozionale e stimolante tra quello che facciamo tutti i giorni e chi ne ottiene benefici in termini di qualità di vita”.

I vincitori dell’edizione ‘Il Diabete a Colori’ 2009 sono:

Primo Premio “Espressività Prosa” Alessandra Deborah Kidd;

Primo Premio “Espressività Disegno” Matteo Cammarata;

Secondo Premio “Espressività Disegno” Beatrice Vangi;

Terzo premio “Espressività Disegno” Caterina Lazzereschi.

A nome dei 4 premiati, Lilly Italia farà quest’anno una donazione di 6.000 Euro al programma “Life for a Child” dell’IDF che permette ai bambini con diabete dei paesi in via di sviluppo di ricevere le cure adeguate.


Lilly Italia S.p.A.

Lilly Italia S.p.A. è un’affiliata della multinazionale americana Eli Lilly and Company di Indianapolis (U.S.A.), che si colloca tra le prime società farmaceutiche mondiali. Sin dalla sua fondazione, 133 anni fa, la società rende disponibili farmaci innovativi in tutto il mondo e ha attualmente in sviluppo un numero crescente di molecole che hanno il potenziale per essere tra i migliori farmaci nelle rispettive classi terapeutiche. Fin dal 1923, l’azienda è leader in diabetologia, offrendo agli operatori sanitari terapie innovative mediante la ricerca di prodotti che rispondano sempre meglio alle necessità insoddisfatte dei pazienti, permettendo loro di vivere più a lungo e con una migliore qualità di vita. La sede principale italiana e lo stabilimento produttivo si trovano a Sesto Fiorentino (Firenze); una seconda sede è a Roma. L’attività dell’affiliata italiana è iniziata circa 50 anni fa. Attualmente Lilly Italia copre una superficie di 43.000 mq, impiega circa 1.040 dipendenti e ha ottenuto un costante incremento dei suoi risultati scientifici, produttivi e finanziari. Nell’area di Sesto Fiorentino è stato realizzato il più grande stabilimento per la produzione di farmaci da biotecnologia in Italia, destinato alla produzione di insulina da DNA ricombinante per i Paesi europei ed extraeuropei.

La Fondazione Meyer

La Fondazione Meyer nasce come strumento operativo sinergico all’Azienda Ospedaliera Meyer per le attività legate al Nuovo Meyer di Villa Ognissanti e per fornire supporto nell’attività di raccolta fondi del Meyer, ma non solo. Perfettamente integrata con le scelte programmatiche dell’Ospedale, la Fondazione rappresenta un aiuto e un sostegno per la realizzazione di tutte quelle azioni che danno “valore aggiunto” all’attività del Meyer, che lo rendono sempre più qualificato sotto il profilo tecnico-scientifico e sempre più apprezzato e caro all’opinione pubblica. Scopi della Fondazione sono infatti sia quelli di sviluppo di iniziative di radicamento del Meyer sul territorio, sia di attività di ricerca sulla tematica del bambino spedalizzato con particolare riferimento alle problematiche psico-pedagogiche.

Per maggiori informazioni:

Silvia Quercioli 055-4257616

quercioli_silvia@lilly.com

Sabrina Spina 055-4257989

spina_sabrina@lilly.com

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!