Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori e colesterolo non si dissociano

Ridurre il livello di colesterolo “cattivo” per diminuire il rischio di tumore alla prostata.

È quanto emerge dallo studio pubblicato su Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention dai ricercatori del National Cancer Institute di Bethesda, nagli Usa, secondo cui esisterebbe un’associazione inversa tra colesterolo e cancro.


La ricerca è stata condotta su 29.093 uomini il cui stato di salute è stato monitorato per un periodo di 18 anni, durante i quali sono stati rilevati 7.545 casi di carcinoma alla prostata.
Dall’analisi sono emersi due dati significativi: da una parte gli studiosi hanno rilevato che un elevato livello di colesterolo “buono” era associato alla riduzione del 14% del rischio di cancro, dall’altra valori bassi di quello “cattivo” sembravano in grado di diminuire il pericolo di tumore alla prostata fino al 59% negli uomini di età superiore ai 55 anni.

“Il nostro studio – spiega Demetrio Albanes, ricercatore del National Cancer Institute – dimostra che alti livelli di colesterolo ‘buono’ possono proteggere l’organismo da tutte le forme tumorali, mentre ridurre quello ‘cattivo’ può aiutare ad abbassare il pericolo di cancro prostatico”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!