Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Un gene causa la fragilità ossea

C'e' un gene fra le cause…

Fibrosi cistica: nuova strategia…

Una recente ricerca pubbl…

Nuovo metodo di coltura delle st…

[caption id="attachme…

Infarto: alto consumo di antidol…

L'uso prolungato di cer…

Lotta alle infezioni: in futuro …

I peptidi antimicrobici…

Metabolismo: la proteina che all…

L'attivazione indotta del…

Ischemia cerebrale: studio itali…

[caption id="attachme…

Asma: otto milioni di italiani v…

Grazie alla collaborazion…

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco biotech efficace nel trattamento della leucemia mieloide cronica

Buone notizie da uno studio i cui risultati preliminari sono stati recentemente presentati al convegno annuale dell’American Society of Haematology, svoltosi a New Orleans.

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Nella ricerca condotta dal gruppo guidato da Jorge Cortes del Department of Leukemia dell’University del Texas, condotta su 81 pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, il farmaco Omapro si è dimostrato in grado di eradicare la malattia dal midollo osseo nel 18% dei soggetti con malattia allo stadio iniziale.
Omapro (Omacetaxina) induce apoptosi inibendo la sintesi proteica, specialmente della proteina Mcl-1, agendo indipendentemente dagli inibitori della tirosin-chinasi, aspetto che riserva vantaggi terapeutici per i pazienti che hanno sviluppato resistenza alla terapia con questa classe di farmaci.

Inoltre, la nuova terapia è la prima in assoluto che permette di trattare quel 5% dei pazienti, che, affetti dalla mutazione T3151, risultano resistenti al trattamento con la terapia standard a base di Imatinib mesilato (Gleevec).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi