Chemio verde, estratta dai brocc…

L'estratto di germogli di…

Proteine nella saliva: dal conte…

Un test semplice da effet…

Salute Donna: in menopausa cala …

In occasione della Giorna…

L'olfatto dei cani in grado di f…

Grazie alla sensibili…

Le "vibrazioni" delle proteine d…

Le proteine del corpo uma…

La riserva ovarica, stabilita da…

Nelle ovaie di topo a…

Esperti BPCO: "Serve fondo nazio…

“I nostri sforzi oggi son…

Tumori: aumentano quelli al fega…

Un nuovo studio dimostra…

Federsalus: Obesita' infantile e…

Milano, 17 gennaio 2011 -…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco biotech efficace nel trattamento della leucemia mieloide cronica

Buone notizie da uno studio i cui risultati preliminari sono stati recentemente presentati al convegno annuale dell’American Society of Haematology, svoltosi a New Orleans.

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Nella ricerca condotta dal gruppo guidato da Jorge Cortes del Department of Leukemia dell’University del Texas, condotta su 81 pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, il farmaco Omapro si è dimostrato in grado di eradicare la malattia dal midollo osseo nel 18% dei soggetti con malattia allo stadio iniziale.
Omapro (Omacetaxina) induce apoptosi inibendo la sintesi proteica, specialmente della proteina Mcl-1, agendo indipendentemente dagli inibitori della tirosin-chinasi, aspetto che riserva vantaggi terapeutici per i pazienti che hanno sviluppato resistenza alla terapia con questa classe di farmaci.

Inoltre, la nuova terapia è la prima in assoluto che permette di trattare quel 5% dei pazienti, che, affetti dalla mutazione T3151, risultano resistenti al trattamento con la terapia standard a base di Imatinib mesilato (Gleevec).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi