Janssen presenta richiesta di es…

Le richieste di estension…

Iper lacrimazione: risolutivo l'…

Una nuova tecnica laser p…

Saranno piccoli robot-spia a nav…

[caption id="attachment_8…

I COLORI DELLA SPERANZA: dal 3 n…

Dal 3 al 25 novembre 2017…

OMS rende accessibile vaccino co…

L'Organizzazione mondial…

Distrofia di Duchenne: staminali…

Cellule staminali "da un…

Tumore al seno: un gene alla bas…

[caption id="attachment_6…

Onde d'urto stimolano la produzi…

Il trattamento con on…

Inner Life of the Cell

Un magistrale video di qu…

Bulimia: ottime le risposte da t…

Sviluppato un nuovo tratt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco biotech efficace nel trattamento della leucemia mieloide cronica

Buone notizie da uno studio i cui risultati preliminari sono stati recentemente presentati al convegno annuale dell’American Society of Haematology, svoltosi a New Orleans.

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Sviluppo regolare cellule tessuto sanguigno

Nella ricerca condotta dal gruppo guidato da Jorge Cortes del Department of Leukemia dell’University del Texas, condotta su 81 pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, il farmaco Omapro si è dimostrato in grado di eradicare la malattia dal midollo osseo nel 18% dei soggetti con malattia allo stadio iniziale.
Omapro (Omacetaxina) induce apoptosi inibendo la sintesi proteica, specialmente della proteina Mcl-1, agendo indipendentemente dagli inibitori della tirosin-chinasi, aspetto che riserva vantaggi terapeutici per i pazienti che hanno sviluppato resistenza alla terapia con questa classe di farmaci.

Inoltre, la nuova terapia è la prima in assoluto che permette di trattare quel 5% dei pazienti, che, affetti dalla mutazione T3151, risultano resistenti al trattamento con la terapia standard a base di Imatinib mesilato (Gleevec).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi