Una proteina chiave nel ruolo di…

[caption id="attachment_6…

Dalla talassemia ai disturbi car…

[caption id="attachme…

Sifilide: screening a basso cost…

Centinaia di migliaia di…

Virus: scoperta una proteina che…

- I virus che entrano nel…

Dal peso della gestante si deter…

Curioso studio della Univ…

Differenza intraspecifica non so…

[caption id="attachment_6…

San Filippo Neri: nasce la carte…

E' iniziata ufficialmente…

E' tempo di allergie, per molti …

Allergie in forte aumento…

Il DNA potrebbe essere prova 'vu…

[caption id="attachment_1…

Risonanza magnetica e PET insiem…

A Napoli nuovo macchinari…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antidepressivi dopo menopausa: seppur in misura lieve, aumentano predisposizione ictus

Le donne che sono in eta’ post-menopausa e assumono degli antidepressivi hanno un aumento piccolo – ma statisticamente significativo – del rischio di subire un ictus, secondo quanto suggerisce una ricerca americana.

Lo studio si e’ basato su 136.293 donne di eta’ compresa fra 50 e 79 anni, seguite per una media di sei anni. Quelle che assumevano antidepressivi avevano il 45% di probabilita’ in piu’ di soffrire di un ictus rispetto alle donne che non li prendevano. I dati, pubblicati dagli Archives of Internal Medicine, sono stati estrapolati da un vasto studio americano chiamato Women’s Health Initiative Study. Quando sono stati esaminati i tassi di morte complessivi, le donne in cura con antidepressivi sono risultate avere un rischio del 32% piu’ alto di morte per qualunque causa rispetto alle donne dello studio che non assumevano questi farmaci. I ricercatori sottolineano che il rischio complessivo di ictus resta relativamente piccolo; tuttavia, poiche’ molte donne prendono farmaci antidepressivi, l’effetto sarebbe significativo se misurato sull’intera popolazione.

Dallo studio non e’ chiaro se prendere antidepressivi sia l’unico fattore responsabile dell’aumento del rischio di ictus. Anche la depressione in se’ e’ un noto fattore di rischio di problemi cardiovascolari. I ricercatori hanno cercato di tenere conto di questo elemento nella loro analisi ma non escludono che abbia influenzato i risultati finali. Quanto al tipo di antidepressivi usati, lo studio non ha rilevato differenze nel rischio di ictus tra due grandi classi di farmaci, i cosiddetti inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) o gli antidepressivi triciclici (TCA), anche se i primi sembrano comportare un maggior rischio di ictus emorragico causato da sanguinamento nel cervello. La coordinatrice della ricerca, dottoressa Sylvia Wassertheil-Smoller dell’Albert Einstein College of Medicine, sottolinea che curare la depressione e’ importante e che le donne non devono smettere di prendere i farmaci prescritti senza prima consultare lo psichiatra. Piuttosto, secondo la ricercatrice, vanno soppesati rischi e benefici: questi ultimi possono comunque restare rilevanti, rispetto al piccolo aumento del rischio di ictus rilevato dallo studio. Nuove ricerche, intanto, cercheranno di approfondire il legame tra farmaci antidepressivi e rischio di ictus, soprattutto dopo la menopausa.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi