Cura del dolore: al via "HUB2HUB…

Una survey conoscitiva a …

Legame 'chimico' tra padre e fig…

[caption id="attachme…

I disturbi oculari da allergie r…

Al via la campagna "Occhi…

Magnetoterapia pulsata per ridur…

MILANO - I calciatori son…

Diabete: il rischio diminuisce i…

Le persone che vivono in …

Una lipoproteina, 'grassa' nemic…

[caption id="attachment_5…

Antidoto per rivaroxaban. Porto…

L’insieme di dati, con le…

Monza doppio trapianto arti: usa…

[caption id="attachment_9…

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

Il meccanismo cellulare che limi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: un software per aiutare i medici a ‘raccogliere’ dati su pazienti, e calcolarne i rischi

I medici di famiglia britannici potranno presto usufruire di un programma per computer in grado di calcolare il rischio di cancro di ogni paziente. Il programma pilota, che coinvolge centinaia di medici in tutto il Regno Unito, ha lo scopo di valutare l’efficacia del nuovo sistema computerizzato progettato per riconoscere rapidamente i sintomi del cancro.

A dedicare un articolo all’argomento e’ stato il quotidiano britannico Daily Mail. “Oltre 10 mila ammalati di cancro muoiono in Inghilterra ogni anno a causa di diagnosi formulate troppo tardi”, ha detto Mike Richards, esperto di cancro e consulente governativo. “L’Inghilterra – ha proseguito – ha una media di previsioni e diagnosi precoci piu’ bassa di quella europea. Ecco perche’ una tecnologia simile e’ necessaria per ogni medico del paese”. Il programma utilizza fattori come eta’, peso, pressione sanguinea, storia clinica personale e familiare, oltre che a sintomi piu’ diretti come perdite di sangue dall’intestino retto e cali improvvisi del peso. “Questo aiutera’ i medici a tenere sott’occhio tutti i sintomi di un singolo malato, una quantita’ di informazioni troppo difficile da ricordare”, ha detto Richards. “Cosi’, i dottori sapranno su quali pazienti concentrarsi – ha continuato – e su quali invece no. I pazienti che avranno un livello di rischio oltre una certa soglia saranno ricoverati in ospedale per una serie di esami di verifica”.

Il nuovo sistema, secondo Richards, permettera’ ai medici di prendere migliori decisioni in una maniera piu’ veloce ed efficiente. “Entro 5 anni – ha detto Richards – ogni medico di base della Gran Bretagna avra’ a disposizione simili strumenti computerizzati per aiutarsi nella diagnosi”.

Archivi