Malattie genetiche: il Danio rer…

Già ampiamente utilizzati…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

Test del sangue per individuare …

Un nuovo test è in grado …

Sindrome del follower per un mil…

Oltre un milione gli unde…

Ricostruito interno orecchio con…

Ideata una nuova tecnic…

I rischi di trasmissione cancro …

[caption id="attachme…

Svelato il mistero dell'adenina …

[caption id="attachment_1…

Al batter di ciglia il cervello …

Al pari di un computer, i…

Glioblastoma: una molecola offre…

[caption id="attachment_7…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[Sanitanews] Universita’ di Modena: l’ossidazione della cellula, sulla rivista Nature Protocols


La rivista Nature Protocols, una delle voci piu’ autorevoli a livello internazionale nel campo dello sviluppo di nuove tecnologie e metodiche scientifiche, ha pubblicato un articolo di autori tutti modenesi, appartenenti al gruppo del prof. Andrea Cossarizza, docente di Immunologia, del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia. L’ articolo riporta i risultati di uno studio sulle caratteristiche dei sistemi ossidanti e antiossidanti sulla cellula.

‘La metodologia sviluppata, che e’ applicabile pressoche’ a qualunque tipo di cellula, – ha spiegato il prof. Cossarizza – permettera’ di comprendere meglio il ruolo delle specie reattive dell’ossigeno (molecole tossiche, ndr) e dei meccanismi difensivi antiossidanti in numerosissime patologie umane, dal cancro alle malattie cardiovascolari, all’ arterosclerosi, al diabete, alle malattie neurodegenerative, quali ad esempio la malattia di Alzheimer o il morbo di Parkinson, al processo di invecchiamento fisiologico’. La ricerca, condotta grazie all’utilizzo di una sofisticata strumentazione di cui dispone l’Ateneo, ha identificato le principali caratteristiche dei sistemi ossidanti/antiossidanti presenti all’interno della cellula e ha identificato le strategie messe in atto dalle cellule per mantenere un corretto bilanciamento tra produzione di molecole tossiche (quali appunto le specie reattive dell’ossigeno) e utilizzo di molecole antiossidanti.

In particolare, lo studio ha dimostrato per la prima volta come variano i livelli di glutatione (principale molecola dotata di una grande attivita’ antiossidante presente all’interno delle cellule), all’aumento dei livelli intracellulari di diverse specie reattive dell’ossigeno misurando contemporaneamente, a livello di singola cellula, tutte queste molecole.

Riferimento articolo: Simultaneous analysis of reactive oxygen species and reduced glutathione content in living cells by polychromatic flow cytometry.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!