Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Sviluppato l'antinfiammatorio 10…

[caption id="attachment_6…

Caffé: mappato il genoma della v…

Svelato il Dna del caffè.…

Tumore al polmone: terapie molec…

Fino a qualche anno fa un…

Sindrome delle apnee notturne, e…

La Sindrome delle apnee o…

AIDS: al Bambino Gesu' prima spe…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali: il turismo sp…

Il primo caso di presunt…

Telethon: Scoperto il gene per u…

Nuova luce sulle basi gen…

Tendinopatie: cause da ricercare…

La tendinopatia o la rott…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Combinare il puzzle di geni per animali da compagnia ‘su misura’ – sequenziato il genoma di 10 razze purissime

Se ottenere un bambino a’ la carte ci sembra troppo ardito, ci si può esercitare intanto sugli animali da compagnia. Combinando i frammenti di Dna come in un puzzle, si potranno mettere insieme taglia, colore, lunghezza e morbidezza del pelo. Il primo passo è scoprire quale frammento del genoma è associato alle varie caratteristiche fisiche. E i ricercatori delle università di Washington e della California con una pazienza da certosini hanno così completato la lettura del genoma di 275 cani, divisi in dieci razze purissime, proprio con l’obiettivo di mettere insieme i dettagli fisici degli animali e le istruzioni del Dna corrispondenti. Il loro studio viene pubblicato oggi sulla rivista Proceedings of the national academy of sciences e promette di aiutare gli allevatori a scegliere i genitori giusti per ottenere cuccioli su misura.

L’allevamento del cane domestico, iniziato 14mila anni fa, è stato definito l’esperimento scientifico più antico del mondo. La “selezione artificiale” del padrone che sceglie e incrocia gli esemplari, secondo il suo gusto, ha portato alla divisione dei cani domestici in oltre 400 specie. “Con la nostra analisi – spiegano i ricercatori Joshua Akey e Mark Neff – abbiamo individuato le 155 regioni del Dna che più si sono modificate sotto la spinta di questa selezione. Al loro interno ci sono i geni che sovrintendono alle caratteristiche fisiche tipiche delle varie razze, come taglia, colore e struttura del pelo, comportamento, conformazione dello scheletro e metabolismo”.

Nonostante il lavoro degli scienziati americani, l’accoppiamento fra geni e caratteristiche fisiche è ben lontano dall’essere completato. “Occorrerà ancora molto tempo affinché questi studi vengano utilizzati in concreto per la selezione dei cani” commenta Adalberto Falaschini, che insegna Genetica animale all’università di Bologna. “Anche perché questa specie è soggetta alle mode. Basta un film per spostare i desideri della gente dal dalmata al collie o al cane amico di Richard Gere. Studi simili di genetica vengono applicati anche agli animali da allevamento come cavalli e mucche”.

Nel puzzle del genoma dei cani, l’ultimo tassello individuato dai ricercatori statunitensi riguarda la pelle della razza Shar-Pei, che ha dimensioni extralarge ed è ripiegata molte volte su se stessa. Responsabile di questa caratteristica unica è un gruppo di tre geni che sovrintendono alla produzione di acido ialuronico sulla pelle. Nell’anno appena trascorso ricerche simili a quella odierna di Pnas avevano individuato il gene dei bassotti, che agisce frenando il processo di allungamento delle ossa, e i tre geni che nelle più diverse combinazioni danno vita a tutte le varianti di colore del pelo.

La prima lettura del Dna dei cani fu annunciata nel 2005. Nonostante l’evoluzione abbia diviso gli uomini dai loro migliori amici circa 95 milioni di anni fa, cani e padroni condividono il 75 per cento del genoma e 360 malattie. La forte pressione evolutiva applicata sulle razze degli animali da compagnia promette di essere utile non solo agli allevatori in cerca di esemplari perfetti, ma anche ai medici. In quelle vere e proprie enclave genetiche che sono i cani con il pedigree, si cercano infatti i frammenti di Dna relativi alle malattie condivise dagli uomini e dai loro migliori amici.

Repubblica.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!