Malattia di Fabry: la bioinforma…

La terapia è ancora in fa…

Tumori ereditari: insorgenza in …

Nelle donne, l'insorgenza…

Falsi ricordi: ricercatori scopr…

Un nuovo studio su mo…

Asma al femminile: si predice co…

Bassi livelli di siero di…

Bayer supporta la Giornata Mondi…

In partnership con ISTH (…

EGA presenta il suo codice di co…

Roma, 6 marzo 2015 - A se…

Tumori: tre farmaci che attivano…

La scoperta dei recetto…

Nasce “Regaliamo Futuro”

I pediatri italiani di SI…

Malattie della tiroide nei bambi…

I sintomi vengono attribu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Con una nuova tecnica per arrivare al cuore si passa dal polso

Riparare il cuore attraverso il polso: ora e’ possibile grazie all’angiografia transradiale, una nuova tecnica messa a punto dai cardiochirurghi dell’Universita’ dell’Illinois e del Jesse Brown VA Medical Center di Chicago per operare il cuore. L’approccio potrebbe ridurre le complicanze dovute all’operazione e diminuire i tempi di recupero e i costi ospedalieri. La nuova procedura prevede l’introduzione del catetere nella piccola arteria radiale del polso piuttosto che attraverso l’arteria femorale: ”Si tratta di un semplice cambiamento, ma che puo’ avere un impatto significativo sul recupero post operatorio del paziente”, spiega Adhir Shroff dell’University of Illinois.


L’approccio transradiale puo’ infatti ridurre il rischio di emorragia – la complicanza piu’ comune soprattutto tra donne e anziani – a meno dell’1% dei casi, e consente ai pazienti di tornare a camminare e a muoversi subito dopo l’operazione, a differenza di cio’ che accade con angiografia standard attraverso l’arteria del femore, che necessita di 4/6 ore di immobilita’ post-intervento.

(Asca)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x