Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

Al via la prima edizione del Fer…

·         Premio innovati…

Spending review: i bambini resti…

Ben 34 associazioni sotto…

Sclerosi multipla: i geni respon…

[caption id="attachment_5…

Colesterolo: a decidere se catti…

[caption id="attachment_9…

Autismo: ricerca a Milano porta …

Si chiama Eps8, è una…

Malattie infiammatorie croniche:…

A Bergamo esperti a confr…

AGE Lombardia: fondamentali gli …

Il Presidente A.Ge.:“I se…

Epilessia: attacchi in età pedia…

Alcuni ricercatori b…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Con una nuova tecnica per arrivare al cuore si passa dal polso

Riparare il cuore attraverso il polso: ora e’ possibile grazie all’angiografia transradiale, una nuova tecnica messa a punto dai cardiochirurghi dell’Universita’ dell’Illinois e del Jesse Brown VA Medical Center di Chicago per operare il cuore. L’approccio potrebbe ridurre le complicanze dovute all’operazione e diminuire i tempi di recupero e i costi ospedalieri. La nuova procedura prevede l’introduzione del catetere nella piccola arteria radiale del polso piuttosto che attraverso l’arteria femorale: ”Si tratta di un semplice cambiamento, ma che puo’ avere un impatto significativo sul recupero post operatorio del paziente”, spiega Adhir Shroff dell’University of Illinois.

L’approccio transradiale puo’ infatti ridurre il rischio di emorragia – la complicanza piu’ comune soprattutto tra donne e anziani – a meno dell’1% dei casi, e consente ai pazienti di tornare a camminare e a muoversi subito dopo l’operazione, a differenza di cio’ che accade con angiografia standard attraverso l’arteria del femore, che necessita di 4/6 ore di immobilita’ post-intervento.

(Asca)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi