Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Vent’anni dei farmaci equivalent…

4 miliardi di risparmi da…

Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Dieta ipo-proteica per chi soffr…

Una dieta ipoproteica puo…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Con una nuova tecnica per arrivare al cuore si passa dal polso

Riparare il cuore attraverso il polso: ora e’ possibile grazie all’angiografia transradiale, una nuova tecnica messa a punto dai cardiochirurghi dell’Universita’ dell’Illinois e del Jesse Brown VA Medical Center di Chicago per operare il cuore. L’approccio potrebbe ridurre le complicanze dovute all’operazione e diminuire i tempi di recupero e i costi ospedalieri. La nuova procedura prevede l’introduzione del catetere nella piccola arteria radiale del polso piuttosto che attraverso l’arteria femorale: ”Si tratta di un semplice cambiamento, ma che puo’ avere un impatto significativo sul recupero post operatorio del paziente”, spiega Adhir Shroff dell’University of Illinois.

L’approccio transradiale puo’ infatti ridurre il rischio di emorragia – la complicanza piu’ comune soprattutto tra donne e anziani – a meno dell’1% dei casi, e consente ai pazienti di tornare a camminare e a muoversi subito dopo l’operazione, a differenza di cio’ che accade con angiografia standard attraverso l’arteria del femore, che necessita di 4/6 ore di immobilita’ post-intervento.

(Asca)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!