Diagnosi di tumori al seno: le p…

Le protesi al seno rendon…

Peperoncino e obesità: la capsai…

La capsaicina, sostanza c…

La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Nuovi risultati confermano le ev…

  I dati presentati al C…

Diabete e demenza: una dose intr…

Un nuovo studio mostra ch…

Intestino generato in provetta d…

[caption id="attachment_1…

Birra: ma quanto è vero che in m…

Secondo alcuni scienziati…

Il difetto di un gene aumenta fi…

[caption id="attachment_6…

Strabismo: chirurgia risolutiva …

La terapia chirurgica per…

Tumori: in Italia uno su tre, so…

Un tumore su tre in Itali…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesita’: il metabolismo cellulare che regola consumo e disponibilita’

sintesi ATP (adenosintrifosfato)

I canali del potassio ATP-dipendenti ottimizzano in modo continuo, a ogni livello di attività, l’uso dell’energia e definiscono il bilancio fra disponibilità e consumo

Un meccanismo molecolare che controlla il dispendio energetico a livello muscolare, contribuendo a determinare il peso del corpo, è stato scoperto da ricercatori della Mayo Clinic e dell’Università dello Iowa, che ne riferiscono in un articolo pubblicato sulla rivista Cell Metabolism.

Un eccesso di energia dovuta a un’abbondanza di cibo viene immagazzinata dall’organismo sotto forma di glicogeno o di grassi, che possono poi essere convertiti in ATP in base alle richieste energetiche. L’ATP, adenosintrifosfato, è il vettore energetico correntemente usato dalle cellule. Alexey Alekseev e colleghi sono partiti dall’ipotesi che a controllare la spesa energetica fossero i canali del potassio ATP-dipendenti (KATP). Questi canali sono sensibili alla disponibilità di ATP e regolano di conseguenza le prestazioni dei muscoli scheletrici e cardiaci.

Per controllare l’ipotesi i ricercatori hanno studiato topi geneticamente modificati in modo da inattivare i canali KATP nei tessuti muscolari. Confrontando questi topi con quelli normali, hanno così trovato che – tenendo conto dei livelli di attività, dei livelli ormonali, assunzione di cibo, scambio dei gas respiratori a riposo e sotto sforzo moderato – dai cinque mesi in poi i topi così modificati erano più magri degli altri. In particolare, l’assenza di canali KATP funzionali determinava un aumento dei consumo di carboidrati e lipidi che non venivano immagazzinati come glicogeno o grassi. E questo anche quando i topi geneticamente modificati venivano indotti a una dieta “occidentale” fortemente calorica.
“Sensibili alla disponibilità energetica cellulare, i canali KATP ottimizzano in modo continuo, a ogni livello di attività, l’uso dell’energia e definiscono il bilancio fra disponibilità e consumo”, spiega Alekseev. “In linea di principio, un bilancio energetico positivo che favorisce l’aumento di peso può essere invertito prendendo come bersaglio i canali KATP; in questo modo si potrebbe controllare l’obesità nei pazienti in cui il loro stato di sovrappeso comporta una bassa capacità di esercizio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: