Cromosoma Y: nell'indebolimento …

Gli scienziati hanno scop…

Gigantesca pubblicità gratuita a…

La Philip Morris non pote…

Campania. Gestione integrata del…

In questi giorni a Napoli…

Tumori: l'antidoto contro cellul…

Tra le furbizie del tumor…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

Cefalea post-coitale: un uomo su…

È noto come mal di testa …

Malaria: conoscere il ciclo ripr…

Esaminando il modo in cui…

Cellule staminali: in arrivo una…

Nuovi farmaci, frutto del…

Diabete mellito: ricerca UE svol…

Una ricerca condotta da r…

Botulino: l'impiego della tossin…

Il botulino e' l'interven…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla: si vuol concretizzare l’ipotesi della terapia orale contro la progressione della malattia

Più vicina la prima pillola contro la sclerosi multipla, una malattia che colpisce oltre 2 milioni e mezzo di persone nel mondo, soprattutto giovani adulti fra i 20 e i 40 anni. Il colosso svizzero Novartis ha inoltrato alle autorità regolatorie americana ed europea, Fda ed Emea, la richiesta di via libera al Fingolimod, farmaco da somministrare per bocca, capostipite di una nuova famiglia di principi attivi (i modulatori del recettore della sfingosina 1-fosfato) che riducono l’infiammazione e possono avere un’azione diretta sulle cellule del sistema nervoso centrale. Il dossier sottoposto alle agenzie Usa e Ue si basa sui risultati dei due studi registrativi di fase clinica III «Transforms» e «Freedoms», pubblicati sul «The New England Journal of Medicine».

GLI STUDI – Le sperimentazioni cliniche hanno valutato fingolimod alle dosi di 0,5 e 1,25 milligrammi, dimostrando l’efficacia e la tollerabilità della molecola e un miglior profilo rischio-beneficio per la dose 0,5 mg, oggetto della richiesta di autorizzazione indirizzata a Fda ed Emea. Nello studio Transforms, durato un anno e condotto su 1.292 pazienti, fingolimod 0,5 mg ha ridotto le ricadute del 52% (-38% al dosaggio 1,25 mg) rispetto a interferone beta-1a per via intramuscolare. Nello studio di due anni Freedoms su 1.272 pazienti, rispetto al placebo fingolimod ha ridotto il tasso di ricadute del 54% alla dose di 0,5 mg e del 60% a 1,25 mg. Il farmaco ha anche diminuito il rischio di progressione della disabilità a 3 e 6 mesi, del 30% e del 37% rispettivamente al dosaggio di 0,5 mg e del 32% e 40% a 1,25 mg. In entrambi gli studi, la terapia ha ridotto in modo statisticamente significativo le lesioni cerebrali attive valutate con la risonanza magnetica. L’adesione al trattamento è stata migliore per i pazienti del gruppo 0,5 mg, dose in cui gli effetti collaterali (comunque transitori, precisa Novartis) sono stati inferiori. L’incidenza globale di infezioni è stata simile in tutti i gruppi, pur con un leggero incremento di infezioni polmonari (soprattutto bronchiti) nei pazienti trattati con fingolimod. Anche l’incidenza di neoplasie è risultata simile nei gruppi controllo e nei gruppi fingolimod, con casi più frequenti nel gruppo trattato con fingolimod per lo studio di un anno, mentre i casi sono stati più frequenti nel gruppo placebo per il trial di due anni.

IL COMMENTO – «Fingolimod, grazie al suo innovativo meccanismo d’azione, potrà rappresentare per medici e pazienti un importante passo avanti nella lotta contro la sclerosi multipla», commenta il neurologo dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano Giancarlo Comi, coordinatore dei centri italiani partecipanti a Transforms. «Con una comoda somministrazione giornaliera orale, si è dimostrato infatti in grado di ridurre le ricadute e la progressione della disabilità con benefici clinici mantenuti anche nel trattamento a lungo termine», sottolinea l’esperto. «Le attuali terapie disease-modifying per la sclerosi multipla recidivante-remittente sono somministrate per via iniettiva o per infusione, e ciò può influire negativamente sulla tollerabilità e sull’aderenza al trattamento», osserva dagli Usa Jeffrey Cohen, del Cleveland Clinic Mellen Center per il trattamento e la ricerca nella sclerosi multipla. Gli studi su fingolimod conclusi e la loro estensione comprendono oltre 2.300 pazienti con circa 4 mila pazienti/anno di esposizione, inclusi alcuni ormai al sesto anno di trattamento. La sicurezza e la tollerabilità del farmaco in compresse è stata valutata anche in base ai dati di circa altri mille pazienti, che provengono da studi tuttora in corso nella sclerosi multipla.

A Placebo-Controlled Trial of Oral Fingolimod in Relapsing Multiple Sclerosis
Aggiornato il 22 gen 2010 alle 14:09

8 comments

  1. Giuseppe Cucci

    Da Wikipedia:
    Effetti collaterali:
    FTY720 has been associated with potentially fatal infections, skin cancer and, recently, a case of haemorrhaging focal encephalitis, an inflammation of the brain with bleeding. It is unclear whether the drug was responsible for the events.

    The most common side effects of fingolimod have been head colds, headache, and fatigue. But there have also been a few cases of skin cancer, which has also been reported in patients taking Tysabri, an approved MS drug.

    Non mi sembra molto sicuro.
    Pino

  2. Salvo Franchina

    Gentile Pino,
    Lascio il Suo commento con molto piacere, perché già in passato se non erro ho letto pareri contorti sulla FTY720 “fingolimod”. Ho voluto aggiornare l’articolo (tra l’altro il nostro è un blog di aggregazione news scientifiche) con la fonte “The New England Journal of Medicine”, e ho letto i Vostri commenti su facebook. Piuttosto, se vuol essere una pagina propedeutica perché non propone il gruppo? Ne sarei ben lieto.
    Cordialità

  3. Salvo Franchina

    Gentile Giuseppe,
    Se e quando avete materiale sullo sviluppo delle vostre iniziative, ricerche e tutto quello che puo’ essere firmato da un medico, non esitate a contattare press@liquidarea.com – non dimentichi e non dimentico che l’informazione salva vite.
    Iniziative come le vostre sono state sempre portate in primo piano.

  4. Giuseppe Cucci

    Le ho inviato sia la stampa locale che uno studio, che l’appello alle redazione per informare tutti coloro che hanno a che fare con questa malattia con un intervento in day hospital.

  5. Salvo Franchina

    Non Le prometto l’immediata pubblicazione perché è obbligatorio verificare (per noi) le fonti trasmesse.
    Spero vivamente che il Vostro impegno possa trovare sempre il coraggio e la costanza che lo stanno caratterizzando. Riceverete via email un avviso a pubblicazione avvenuta.

    Cordialmente

  6. nicola

    Grazie della nuova pillola. Una in più non farà mica male! Quella che sembra un’ipotesi su cui perseverare può essere invece l’approccio vascolare alla Sclerosi. Si chiama CCSVI, è made in Italy ma, come è immaginabile, all’estero (canada e usa) ha trovato maggior attenzione ed entusiasmo. Chiaro è che ci sarà da lavorare. La ricerca costa! NOVARTIS con la sua FTY lo sa bene e soprattutto lo sanno tutte le case farmaceutiche, NOVARTIS inclusa, del Consortium of Multiple Sclerosis Centers (CMSC) che è la più forte organizzazione mondiale per delineare i programmi di ricerca sulla sclerosi multipla. E, immagina un pò? i malati di SM non ne possono essere parte… meditate gente, meditate. PS: non sono un malato di SM e non sono in alcun modo legato alla ricerca sulla CCSVI.
    per ulteriori info su CCSVI http://www.facebook.com/pages/CCSVI-nella-Sclerosi-Multipla/139997017782#/pages/CCSVI-nella-Sclerosi-Multipla/139997017782?v=info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi