Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Portare I Baffi È Portare Un Mes…

“Movember” è il mese dell…

Radiazioni a basse dosi: meglio …

Il rischio di cardiopatia…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Il carboidrato "buono" e la cart…

Dio salvi gli spaghet…

CNR: decifrate informazioni del …

Partendo da frammenti di …

Intelligenza e geni correlati: t…

Per decenni si e' pensato…

Aumentare i livelli di HDL non s…

Roma, 16 ago - Aumentare …

Lotta all’ictus, A.L.I.Ce Italia…

SIGN AGAINST STROKE IN …

Epatite C: arriva la prima rivis…

Dati epidemiologici, biso…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: isolata la proteina chiave per la sopravvivenza del parassita

Identificata una proteina chiave usata dal parassita della malaria per trasformare i globuli rossi in modo da garantirsi la sua sopravvivenza. Almeno questo e’ quanto ha annunciato un gruppo di ricercatori del Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne, Australia, in uno studio pubblicato sulla rivista Nature. Dopo questa scoperta i ricercatori hanno un obiettivo chiaro: sviluppare una nuova classe di farmaci anti-malarici in grado di distruggere il parassita. Ogni anno piu’ di 400 milioni di persone contraggono la malaria e piu’ di un milione di persone, soprattutto i bambini, muoiono a causa di questa malattia. La forma piu’ letale della malaria e’ causata dal parassita ‘Plasmodium falciparum’, che invade i globuli rossi e li modifica drasticamente affiche’ possa sopravvivere.


In pratica, il parassita rimodella i globuli rossi utilizzando le proteine chiamate ‘effettrici’. “Queste sono proteine chiave che permettono al parassita di sopravvivere negli esseri umani e di nascondersi dal sistema immunitario”, ha detto Alan Cowman, che ha coordinato lo studio. I ricercatori hanno identificato una proteina chiamata ‘Plasmepsin V’ essenziale per le proteine effettrici. Lo studio ha dimostrato che l’azione di Plasmepsin V sulle proteine effettrici rappresenta il primo passo per aiutare il parassita di sopravvivere nell’organismo. “Se troviamo i farmaci per bloccare Plasmepsin V il parassita della malaria potrebbe morire”, ha concluso Cowman.
Agi - salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!