Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osteoporosi totalmente regredita in cavie grazie ad una pillola

comparazione segmento osseo sano e con osteoporosi

Londra, 8 feb. – Una nuova pillola accende le speranze dei pazienti affetti da osteoporosi. Sperimentata sui topolini, il farmaco somministrato ogni giorno per sei settimane ha guarito completamente le cavie dall’osteoporosi, fermando la malattia anche quando era in via di sviluppo. I ricercatori della Columbia University di New York, che l’hanno sviluppata, ritengono che il trattamento potrebbe presto aiutare gli esseri umani con le ossa fragili. I risultati sono stati riportati sulla rivista Nature Medicine. La nuova pillola, a differenza di quelle gia’ in uso, e’ in grado di costruire nuovo tessuto osseo, piuttosto che rallentare la rottura delle ossa vecchie. Al momento, un solo farmaco, il teriparatide, costruisce nuovo tessuto osseo, ma deve essere iniettato. Invece il nuovo farmaco, conosciuto solo come ‘LP533401′, potrebbe essere dato sotto forma di pillola, il che lo rende una scelta molto piu’ attraente. “Con decine di milioni di persone nel mondo colpite da questa devastante e debilitante perdita ossea – ha detto il ricercatore Gerard Karsenty – vi e’ un’urgente necessita’ di nuove terapie che non solo arrestano la perdita ossea, ma costruiscono anche nuovo tessuto osseo”. “Con questi risultati – ha aggiunto – stiamo lavorando duramente per sviluppare questo tipo di trattamento per i pazienti”.


La svolta per la cura dell’osteoporosi e’ arrivata negli Stati Uniti da una scoperta sulla serotonina, la sostanza chimica del ‘benessere’ che di solito e’ al cervello e all’umore. Nonostante il suo ruolo nella funzione del cervello, il 95 per cento della serotonina del corpo si trova nell’intestino, dove ha l’effetto di bloccare la formazione di nuove ossa. I ricercatori hanno dimostrato che un farmaco sviluppato per affrontare i problemi intestinali ferma l’azione della serotonina nello stomaco, potenziando di conseguenza le ossa. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno testato il farmaco sui topolini di sesso femminile in post-menopausa. Ebbene, le cavie sono guarite dall’osteoporosi dopo sei settimane di trattamento. La sperimentazione ha dimostrato che il nuovo farmaco e’ efficace quanto il teriparatide, che viene usato per curare l’osteoporosi grave per rafforzare le ossa. “I due farmaci funzionano bene. La differenza e’ che il teriparatide si inietta – ha spiegato Karsenty – mentre l’altro farmaco potrebbe essere usato una volta al giorno sotto forma di pillola”. Prima pero’ d arrivare alla commercializzazione del farmaco, come hanno precisato i ricercatori, saranno necessari nuovi studi. Per questo si pensa che la nuova pillola contro l’osteoporosi non potrebbe esser pronta prima di 10 anni. –
AGI

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!