Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Portare I Baffi È Portare Un Mes…

“Movember” è il mese dell…

Radiazioni a basse dosi: meglio …

Il rischio di cardiopatia…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Il carboidrato "buono" e la cart…

Dio salvi gli spaghet…

CNR: decifrate informazioni del …

Partendo da frammenti di …

Intelligenza e geni correlati: t…

Per decenni si e' pensato…

Aumentare i livelli di HDL non s…

Roma, 16 ago - Aumentare …

Lotta all’ictus, A.L.I.Ce Italia…

SIGN AGAINST STROKE IN …

Epatite C: arriva la prima rivis…

Dati epidemiologici, biso…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: un gene alla base della non risposta ai trattamenti

FGFR1

– Il motivo per cui alcune donne non rispondono ai trattamenti farmacologici per il cancro al seno e’ in un gene che puo’ essere “fermato”. Lo affermano i ricercatori del Institute of Cancer Research inglese: secondo il loro studio, pubblicato da Cancer Research, una terapia mirata puo’ annullare gli effetti del gene chiamato Fgfr1 rendendo efficace per tutte le donne la terapia a base di tamoxifen. Secondo i ricercatori, una donna su dieci che ha avuto il cancro al seno ha troppe copie del gene, che rende inefficaci i trattamenti a base di ormoni per prevenire il riformarsi del tumore.

I primi test in laboratorio di farmaci che sopprimono l’azione di Fgfr1 sono positivi, e stanno iniziando i trial clinici per verificare l’efficacia della terapia. “Ci sono diversi farmaci in sperimentazione che bloccano l’azione di questo gene – spiega alla Bbc Nick Turner, uno degli autori dello studio – e molti studi clinici stanno cercando di spiegare come funzionano. Il nostro prossimo passo sara’ iniziare un trial per stabilire in che misura bloccando il gene si contrasta la resistenza alla terapia”.
AGI - Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!