The 19th European Meeting on Hyp…

The 19th European Meeti…

Acne: la tintura di timo supera …

Le preparazioni erboristi…

Macroalghe: alimento ottimo cont…

Un piatto di alghe a cena…

Artrite Reumatoide: farmaci inno…

Nuove terapie per i pazie…

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

SLA: allo studio il legame coi p…

Pesticidi-sclerosi latera…

Osteoporosi: scoperta una protei…

[caption id="attachme…

Epatite C: i due nuovi farmaci (…

Sono il boceprevir e il t…

Colesterolo ridotto in media del…

[caption id="attachment_1…

Intolleranze alimentari: bloccan…

Washington - Bloccand…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: validita’ del farmaco ‘studiata’ da un macchinario

Un apparecchio che scruta il cervello rivela se il paziente trarra’ beneficio dai farmaci contro la depressione gia’ dopo una prima settimana di trattamento.
Resa nota dalla rivista Psychiatry Research, si tratta di una buonissima notizia per chi e’ colpito da depressione perche’ ben due pazienti su tre prendono un farmaco per poi accorgersi solo dopo due mesi che la terapia non funziona e quindi vedersi costretti a ricominciare dall’inizio con una nuova medicina.

L’apparecchio che svela l’efficacia del farmaco a inizio trattamento e’ l’electro encefalografia quantitativa (QEEG), un elettroencefalogramma che confronta i tracciati del paziente con tracciati di persone sane e svela subito se il farmaco sta sortendo effetti.

L’idea e’ venuta allo psichiatra Andrew Leuchter dell’Universita’ di Los Angeles.

Nel caso della depressione, per quanto ci siano svariati farmaci a disposizione, ogni paziente e’ un caso a se’ e la terapia che funziona per uno, spesso non funziona per un altro. Leuchter ha visto che gia’ dopo 7 giorni di cura, anche se il paziente non sente nulla di diverso, il cervello cambia in risposta al farmaco e il QEEC svela questi cambiamenti registrando le onde neurali e confrontandole con i tracciati di persone sane.

In questo modo se il farmaco non funziona, nel 74% lo si potra’ sapere subito e tentare con un’altra cura.
Ansa.it

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x