Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Sindrome di Meniere: nasce l'ass…

Crisi di vertigini con al…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

Dieta mediterranea: toccasana pe…

Altro che Viagra. Pesce, …

IPERTENSIONE: PREMIO INTERNAZION…

PRESTIGIOSO PREMIO DELLA …

Grazie a finanziamenti dall'UE p…

Alcuni ricercatori, parzi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Considerati eccessivi e numerosi…

ORLANDO – Si muore sempre…

Selezione embrionale per preveni…

Sviluppato da un'équipe d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disfunzione erettile: per l’autostima cura giornaliera meglio della pillola ‘per performance’

L’autostima sessuale degli uomini che soffrono di disfunzione erettile (DE) cresce maggiormente con il trattamento giornaliero, rispetto al trattamento al bisogno. Lo rivela uno studio presentato al 25 Congresso Europeo di urologia a Barcellona. ”Attualmente i pazienti con disfunzione erettile hanno a disposizione due tipi di trattamento – spiega Francesco Montorsi, ordinario di urologia presso l’universita’ Vita e Salute San Raffaele di Milano – l’approccio giornaliero che deve essere seguito ogni giorno svincolando l’assunzione del farmaco dall’atto sessuale, e il trattamento al bisogno che prevede l’assunzione prima dell’atto sessuale.

I risultati di questo studio mostrano che il miglioramento in termini di autostima sessuale e’ maggiore con il trattamento giornaliero rispetto a quello al bisogno”.
Nello studio, condotto su 378 pazienti con eta’ media 56 anni, con DE cronica e una storia di buoni risultati con il trattamento al bisogno, si e’ cosi’ visto che con il tadalafil da 5 o 2,5 mg in trattamento giornaliero i risultati erano migliori in termini di autostima, rispetto a quelli ottenuti con il sildenafil citrato da 100 o 50 mg al bisogno, misurando i punteggi relativi al dominio di autostima sessuale della scala di relazione interpersonale e psicologica (Pairs). (ANSA).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!