Una proteina regolatrice della p…

[caption id="attachme…

Scoperto il gene della sordità d…

Individuato il gene che p…

Trapianto pediatrico di intestin…

[caption id="attachment_8…

Herpes simplex: epidemia globale…

L'infezione dal virus he…

Anticorpi artificiali: successo …

[caption id="attachment_8…

Diabete: la firma genetica alla …

Dalla ricerca sulle malat…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Tumori: nuovo meccanismo ne rall…

Si puo' attivare il sis…

Herpes genitalis: piu' pericolos…

E' piu' pericoloso propri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anticorpi artificiali: successo con tossina delle api

Iniettati in topi a cui era stata somministrata una elevata dose di tossina delle api, sono andati a intercettare, avvolgere e inattivare le molecole della sostanza

Anticorpi di “plastica”, efficaci e resistenti, sono stati progettati e realizzati da un gruppo di ricercatori dell’Università della California a Irvine, che ne hanno dato notizia in un articolo pubblicato sul Journal of the American Chemical Society.

Le minuscole particelle polimeriche, del diametro di un cinquantamillesimo di capello umano, sono state progettate per adattarsi e “incapsulare”, inattivandole, le molecole di melittina, un peptide presente nel veleno delle api che provoca la rottura delle cellule con cui viene in contatto.

Le particelle polimeriche sono state preparate con la tecnica di “imprinting molecolare”: alla melittina sono stati fatti aderire una serie di monomeri plastici che poi sono andati a legarsi in una lunga catena. Una volta terminato questo processo di “solidificazione” è stata rimossa la molecola di melittina ottenendo una nanoparticella in cui erano presenti una serie di cavità conformate sulla struttura della molecola velenosa.

Una volta iniettato il preparato in topi a cui era stata in precedenza somministrata una elevata dose di melittina, le nanoparticelle sono andate a intercettare e avvolgere le molecole della sostanza tossica, riuscendo a catturarle prima che potessero esplicare completamente la loro azione e riducendo drasticamente il numero di decessi fra i topi esposti alla melittina.

“Non era ancora mai stato dimostrato che degli anticorpi sintetici potessero essere realmente efficaci e svolgere la propria azione una volta iniettati nel sistema circolatorio di animali viventi. La tecnica potrebbe essere utilizzata per produrre nanoparticelle plastiche in grado di combattere le tossine e i batteri più letali”, ha detto Kenneth J. Shea, che ha diretto la ricerca.

A differenza degli anticorpi prodotti da organismi viventi e attualmente utilizzati nella pratica clinica, questi anticorpi sintetici possono essere prodotti in laboratorio a basso costo, un vantaggio ancor più esaltato dal fatto che la loro “data di scadenza”, ossia il periodo di tempo per cui sono efficaci una volta prodotti, è molto più lunga.

“Nel flusso sanguigno è presente un mare di molecole: proteine peptidi, cellule, che rendono ardua la sfida di progettare nanoparticelle adatte. Questo successo dimostra che la sfida può essere vinta”, ha concluso Shea.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!