Calvizie: agire prima della "tab…

Se i capelli sono “in cad…

Parto indotto, per ridurre morta…

Il travaglio indotto puo'…

HIV: nuova ipotesi di terapia a …

[caption id="attachment_6…

Urologia: arriva in Italia il QP…

Si chiama ''Quick Prosta…

Anoressia: italiani spiegano per…

Meno materia grigia nell…

Pancreas: adenocarcinoma quarta …

L'adenocarcinoma del panc…

L'importanza delle fibre per la …

[caption id="attachment_…

Universita' D'Annunzio e Casa di…

La Casa di Cura Villa Pin…

Studio rivela le proprieta' anti…

[caption id="attachment_5…

Menopausa: tracciata la prima ma…

Rilasciata la prima 'Mapp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anticorpi artificiali: successo con tossina delle api

Iniettati in topi a cui era stata somministrata una elevata dose di tossina delle api, sono andati a intercettare, avvolgere e inattivare le molecole della sostanza

Anticorpi di “plastica”, efficaci e resistenti, sono stati progettati e realizzati da un gruppo di ricercatori dell’Università della California a Irvine, che ne hanno dato notizia in un articolo pubblicato sul Journal of the American Chemical Society.

Le minuscole particelle polimeriche, del diametro di un cinquantamillesimo di capello umano, sono state progettate per adattarsi e “incapsulare”, inattivandole, le molecole di melittina, un peptide presente nel veleno delle api che provoca la rottura delle cellule con cui viene in contatto.

Le particelle polimeriche sono state preparate con la tecnica di “imprinting molecolare”: alla melittina sono stati fatti aderire una serie di monomeri plastici che poi sono andati a legarsi in una lunga catena. Una volta terminato questo processo di “solidificazione” è stata rimossa la molecola di melittina ottenendo una nanoparticella in cui erano presenti una serie di cavità conformate sulla struttura della molecola velenosa.

Una volta iniettato il preparato in topi a cui era stata in precedenza somministrata una elevata dose di melittina, le nanoparticelle sono andate a intercettare e avvolgere le molecole della sostanza tossica, riuscendo a catturarle prima che potessero esplicare completamente la loro azione e riducendo drasticamente il numero di decessi fra i topi esposti alla melittina.

“Non era ancora mai stato dimostrato che degli anticorpi sintetici potessero essere realmente efficaci e svolgere la propria azione una volta iniettati nel sistema circolatorio di animali viventi. La tecnica potrebbe essere utilizzata per produrre nanoparticelle plastiche in grado di combattere le tossine e i batteri più letali”, ha detto Kenneth J. Shea, che ha diretto la ricerca.

A differenza degli anticorpi prodotti da organismi viventi e attualmente utilizzati nella pratica clinica, questi anticorpi sintetici possono essere prodotti in laboratorio a basso costo, un vantaggio ancor più esaltato dal fatto che la loro “data di scadenza”, ossia il periodo di tempo per cui sono efficaci una volta prodotti, è molto più lunga.

“Nel flusso sanguigno è presente un mare di molecole: proteine peptidi, cellule, che rendono ardua la sfida di progettare nanoparticelle adatte. Questo successo dimostra che la sfida può essere vinta”, ha concluso Shea.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi