Come la mamma trasmette l''odore…

La paura? E' nell'aria. I…

"Tintarella naturale" con frutta…

Ciò che mangi ti si legge…

Trapianto autologo cellule stami…

Significativi i miglioram…

TEVA annuncia sentenza favorevol…

GERUSALEMME(BUSINESS WIRE…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Calcoli renali: arriva dallo spa…

Una tecnica in uso per gl…

Progetto Italian ePAQ : incontin…

Arriva in Italia uno stru…

Lo iodio, catalizzatore 'ecologi…

[caption id="attachment_7…

Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gli Omega 3 con valenze di antidepressivi

Gli omega 3, i grassi “buoni” contenuti nel pesce, nelle noci e in alcuni semi, funzionano come antidepressivo. Lo ha dimostrato uno studio canadese realizzato da una “rete” di università – Montreal, McGill, Laval, e Queen’s – su 432 volontari seguiti per quattro anni.

La ricerca, pubblicata su Journal of Clinical Psychiatry, indica che l’uso di integratori a base di Omega 3 su pazienti con depressione severa, resistenti ad alcuni antidepressivi e che non hanno disturbi d’ansia, ha buoni risultati.

Nel corso della sperimentazione la metà dei pazienti è stata trattata con integratori di acidi grassi (3 capsule al giorno) per otto settimane. L’altra metà, invece, con capsule placebo, riempite di olio di girasole. Nella prima analisi dei dati non era stato possibile accertare l’efficacia del trattamento. Ma da test successivi, condotti dai ricercatori diretti da Francois Lesperance, è risultato chiaro che gli Omega 3 erano particolarmente efficaci nelle persone con depressione maggiore, ma non nei pazienti con disturbi ansiosi.

Ora i ricercatori puntano a uno studio comparativo tra gli integratori di acidi grassi e gli antidepressivi tradizionali, per una conferma definitiva della cura alternativa che potrebbe aiutare a superare il problema dell’abbandono della terapia, frequente con i medicinali classici a causa degli effetti collaterali poco tollerati.

La Stampa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi