Le vie del placebo non si ferman…

[caption id="attachme…

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

Ansia e depressione: silenziando…

Un esperimento che almeno…

“Focus On” sul Rene Policistico.…

La malattia colpisce 60.0…

Tumore al seno: l'esame con ultr…

[caption id="attachment_9…

Malaria: l'efficacia di un farma…

Un farmaco gia' approvato…

Ixazomib orale raggiunge endpoin…

Takeda annuncia che la pr…

Ricerca Telethon: scoperto il ge…

I ricercatori del Diparti…

Una proteina chiave nello svilup…

[caption id="attachment_6…

Il biosimilare ha un passaporto …

E’ stato pubblicato il do…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gli Omega 3 con valenze di antidepressivi

Gli omega 3, i grassi “buoni” contenuti nel pesce, nelle noci e in alcuni semi, funzionano come antidepressivo. Lo ha dimostrato uno studio canadese realizzato da una “rete” di università – Montreal, McGill, Laval, e Queen’s – su 432 volontari seguiti per quattro anni.

La ricerca, pubblicata su Journal of Clinical Psychiatry, indica che l’uso di integratori a base di Omega 3 su pazienti con depressione severa, resistenti ad alcuni antidepressivi e che non hanno disturbi d’ansia, ha buoni risultati.

Nel corso della sperimentazione la metà dei pazienti è stata trattata con integratori di acidi grassi (3 capsule al giorno) per otto settimane. L’altra metà, invece, con capsule placebo, riempite di olio di girasole. Nella prima analisi dei dati non era stato possibile accertare l’efficacia del trattamento. Ma da test successivi, condotti dai ricercatori diretti da Francois Lesperance, è risultato chiaro che gli Omega 3 erano particolarmente efficaci nelle persone con depressione maggiore, ma non nei pazienti con disturbi ansiosi.

Ora i ricercatori puntano a uno studio comparativo tra gli integratori di acidi grassi e gli antidepressivi tradizionali, per una conferma definitiva della cura alternativa che potrebbe aiutare a superare il problema dell’abbandono della terapia, frequente con i medicinali classici a causa degli effetti collaterali poco tollerati.

La Stampa

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!