Adenovirus: puzzle della struttu…

[caption id="attachment_8…

Pediatri di famiglia: SIP, così …

La FIMP avvia un sondaggi…

Resistenza all'insulina: il ruol…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: scoperto il focolaio …

Ricercatori dell'Istituto…

Disponibile anche in Italia lina…

In vigore il provvedim…

Stomaco in provetta: ricostruito…

E' minuscolo ma struttura…

Arsenico: meccanismo di assorbim…

[caption id="attachment_1…

Cefalee e sale: dimezzandone il …

Dimezzandone il consumo è…

Tumori: arriva un vaccino anti H…

Realizzato un nuovo vacci…

Umore: identificate le cellule c…

Identificate le basi mol…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gli Omega 3 con valenze di antidepressivi

Gli omega 3, i grassi “buoni” contenuti nel pesce, nelle noci e in alcuni semi, funzionano come antidepressivo. Lo ha dimostrato uno studio canadese realizzato da una “rete” di università – Montreal, McGill, Laval, e Queen’s – su 432 volontari seguiti per quattro anni.

La ricerca, pubblicata su Journal of Clinical Psychiatry, indica che l’uso di integratori a base di Omega 3 su pazienti con depressione severa, resistenti ad alcuni antidepressivi e che non hanno disturbi d’ansia, ha buoni risultati.

Nel corso della sperimentazione la metà dei pazienti è stata trattata con integratori di acidi grassi (3 capsule al giorno) per otto settimane. L’altra metà, invece, con capsule placebo, riempite di olio di girasole. Nella prima analisi dei dati non era stato possibile accertare l’efficacia del trattamento. Ma da test successivi, condotti dai ricercatori diretti da Francois Lesperance, è risultato chiaro che gli Omega 3 erano particolarmente efficaci nelle persone con depressione maggiore, ma non nei pazienti con disturbi ansiosi.

Ora i ricercatori puntano a uno studio comparativo tra gli integratori di acidi grassi e gli antidepressivi tradizionali, per una conferma definitiva della cura alternativa che potrebbe aiutare a superare il problema dell’abbandono della terapia, frequente con i medicinali classici a causa degli effetti collaterali poco tollerati.

La Stampa

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x