DNA spazzatura: potrebbe essere …

Nel Dna 'spazzatura' si n…

La latenza del virus HIV determi…

[caption id="attachment_7…

Ultrasuoni per diagnosi precise …

[caption id="attachme…

Lo stafilococco, ecco come infet…

Un team di ricercatori d…

Pancreas artificiale: contro il …

Medicina 'rigenerativa' n…

Dolore cronico perineale: dall'1…

Nel suggestivo borgo medi…

Fecondazione eterologa: Nasce la…

Roma, 5 giugno 2014 – Dop…

Difetti congeniti cardiaci già p…

Le origini di difetti con…

AIDS: studio italiano conferma l…

Grazie ai miglioramen…

Fratture e traumi sistema schele…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I polifenoli dell’olio di oliva modificano geni che causano aterosclerosi

Modifica l’espressione dei geni collegati all’insorgenza dell’aterosclerosi, prevenendone lo sviluppo: per questo l’olio extravergine d’oliva è così prezioso per la salute del cuore e delle arterie. Il merito, spiegano i ricercatori spagnoli dell’Institut Municipal d’Investigacio Medica di Barcellona che hanno pubblicato lo studio sul Faseb Journal, sarebbe dei polifenoli in esso contenuti.

Gli scienziati hanno lavorato con tre gruppi di volontari sani: il primo gruppo ha consumato una dieta mediterranea con olio d’oliva ricco di polifenoli, il secondo gruppo ha consumato una dieta mediterranea con olio d’oliva a basso contenuto di polifenoli, mentre il terzo gruppo ha continuato a seguire la dieta abituale.

Dopo tre mesi il primo gruppo ha fatto registrare un abbassamento dell’espressione di geni legati all’aterosclerosi, causando significativi cambiamenti nei meccanismi che influenzano la malattia coronarica. I risultati hanno anche dimostrato che il consumo di olio extravergine di oliva in combinazione con una dieta mediterranea può avere un impatto positivo sull’insulino-resistenza, sulle infiammazioni e sulla soppressione tumorale.

“Sapere quali geni possono essere modulati con la dieta in modo sano può aiutare le persone a scegliere un’alimentazione sana – spiega Maria Isabel Covas, che ha partecipato alla ricerca -. È anche un primo passo per mettere a punto future terapie nutrizionali con alimenti selezionati”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!