Calcoli alla colecisti, un probl…

Presso l’Azienda Ospeda…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Distrofia Muscolare: riunione a …

I massimi esperti sulla …

Il legame tra osteoporosi e insu…

L’assottigliarsi delle os…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

Studio evidenzia legame tra prot…

Una ricerca innovativa da…

Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Sale: 9 italiani su 10 esagerano…

Un cucchiaino da te' in m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il fumo passivo pericoloso anche se all’aperto

Nella aree all’aperto, per esempio quelle di bar e ristoranti dove è permesso fumare, bastano due sigarette accese per mettere a rischio i non fumatori di contrarre disturbi respiratori. Lo indica una ricerca del Consiglio australiano su fumo e salute, realizzata in collaborazione con due università che hanno condotto test di qualità dell’aria in 28 locali di Perth. Nel determinare i rischi del fumo passivo per i non fumatori, i ricercatori hanno utilizzato un monitor di particelle per misurare quanti microscopici agenti inquinanti del tipo contenuto nel fumo da tabacco si trovavano nell’aria.

RISCHI – Hanno concluso che anche in aree all’aperto e ben ventilate, il fumo “di seconda mano” presenta rischi per la salute. Quando nell’area non fumava nessuno, le concentrazioni di particelle di fumo di tabacco erano di circa 4 microgrammi per metro cubo di aria; quando fumava una sola persona, il numero aumentava a 14,25 microgrammi per metro cubo. «La quantità misurata di fumo “di seconda mano” aumenta rapidamente con il numero di persone che fumano» scrive Julia Stafford, ricercatrice dell’università Curtin. Le conclusioni dello studio sono di sostegno alle norme che entreranno in vigore da settembre e che restringeranno notevolmente le possibilità per i fumatori nei locali pubblici. «Questa ricerca conferma l’opportunità di divieti di fumo in aree dove le persone possono trascorrere periodi di tempo estesi per consumare cibi e bevande» conclude la studiosa. (Ansa)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi