Nuove opportunità terapeutiche n…

Se ne discute al Workshop…

Progetto Salute e qualità della …

L’Università di Milano-Bi…

Anemia renale: SIN, terapia spec…

Il coinvolgimento del paz…

Chiesi al primo posto per gli in…

Il positivo riconosciment…

Malattie sessualmente trasmesse:…

Maggiori libertà sessuali…

Cardiologia: bypass biologici po…

[caption id="attachment_6…

Lesioni muscolari: individuati g…

Un nuovo studio effettuat…

Identificato un gene difettoso …

[caption id="attachme…

Dipendenza da internet è ufficia…

La dipendenza da Internet…

Cervello: individuate le aree ch…

Lo studio dell'Univer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mieloma multiplo: parte la sperimentazione di un nuovo farmaco

PISA, 21 SET – Partira’ nei prossimi mesi anche in Italia – a Roma, Torino, Bologna e Pisa – la sperimentazione di un nuovo farmaco per la cura del mieloma multiplo, il Carfilzomib. E’ quanto spiega, in una nota, l’Azienda ospedaliero universitaria di Pisa. Il farmaco e’ gia’ in sperimentazione negli Stati Uniti e in via di approvazione (primavera 2011) dalla Food and Drugs Administration (Fda).

L’Aou di Pisa spiega che a dare l’annuncio della sperimentazione in Italia e’ stata Susie Novis, presidente dell’International Myeloma Foundation, durante il III seminario nazionale dedicato al mieloma multiplo organizzato a Pisa dall’associazione ‘Schirinzi A. Mario Onlus’. ”Il nuovo farmaco – spiega l’Aoup – si sta dimostrando molto promettente, soprattutto in quanto presenta una minore quantita’ di effetti collaterali neurologici. Nella fase di sperimentazione in Italia potrebbe affiancare i principi attivi alla base dei farmaci attualmente in uso (non ultimo il Velcade oppure Bortezomib, che ne e’ il principio attivo) fino a sostituirli, in quanto ha gli stessi effetti terapeutici senza gli effetti collaterali lamentati”.

”Il seminario pisano – ha spiegato Mario Petrini, direttore del reparto di ematologia dell’Aoup – ha dimostrato l’ottimo livello terapeutico espresso dall’ematologia italiana anche in questo settore confermando che le opzioni terapeutiche piu’ innovative, compresi i farmaci ancora in sperimentazione, sono disponibili nei nostri centri cosi’ come in quelli internazionali piu’ avanzati. Per esempio, a Pisa, attraverso collaborazioni interdipartimentali e internazionali, si stanno studiando in modo approfondito la resistenza ai trattamenti e le ragioni della diversa suscettibilita’ individuale ai farmaci. Questi studi dovrebbero permettere, inoltre, di individuare le persone maggiormente predisposte, per loro costituzione, ad ammalarsi”.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi