Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prime staminali embrionali umane in USA per trattare lesione spinale

E’ stato trattato con cellule staminali embrionali umane il primo paziente arruolato nello studio autorizzato negli Usa – non senza polemiche – dalla Food and Drug Administration (Fda) per testare questo approccio terapeutico. Secondo il ‘Washington Post’ il paziente, parzialmente paralizzato in seguito a una lesione spinale, è stato trattato con la somministrazione di milioni di staminali embrionali, iniettate nel sito della lesione. Ad annunciarlo è stata la Geron Corp di Menlo Park (California), che sta sponsorizzando la ricerca. Il paziente è stato trattato allo Shepherd Center, un ospedale da 132 letti ad Atlanta, specializzato in lesioni spinali e cerebrali.

La struttura è una delle sette coinvolte nello studio, che punta in primo luogo a testare la sicurezza di questo approccio. I medici, comunque, condurranno anche una serie di test ‘disegnati ad hoc’ per capire se il trattamento è anche utile ai pazienti. Nessun’altra informazione sul primo soggetto trattato è stata resa nota fino ad ora. Lo studio segna una tappa importante per la ricerca sulle staminali, considerate uno dei settori più promettenti negli ultimi anni, ma anche fonte di notevoli controversie etiche. L’annuncio arriva mentre è ancora in dubbio il futuro del finanziamento federale alle ricerche sulle cellule staminali embrionali, ‘riattivato’ da Barack Obama. Un giudice federale in agosto aveva infatti stabilito che la politica dell’amministrazione Obama violava una legge federale che vieta di usare il denaro delle tasse per studi che prevedono la distruzione di embrioni umani. Un pronunciamento contro il quale il Dipartimento di Giustizia ha presentato appello.
ADNKRONOS

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!