Amaurosi congenita di Leber: pro…

Un innovativo trattamento…

Medtronic lancia il primo defibr…

CARDIOLOGIA - Per i pazie…

Alternativa alla sperimentazione…

La legislazione europea l…

L'analisi della qualita' del DNA…

Per anni, i parametri sem…

Tumore ovarico: meno decessi con…

Lo svela uno studio itali…

Fumo passivo più pericoloso dell…

L’inquinamento da fumo di…

Il vaccino Rotarix risulta effic…

[caption id="attachme…

Le trasformazioni dei batteri in…

Le colonie di batteri ben…

Cellule staminali su fratture sp…

Sono positivi i risultati…

Linfoma a basso grado di maligni…

"Nuovi farmaci nel tratta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule pancreatiche e intestinali ricreate da cellule staminali

Le cellule staminali possono essere trasformate nelle cellule pancreatiche necessarie a curare il diabete e anche nei complessi strati che compongono il tessuto intestinale: la novita’ arriva da due diversi studi realizzati in Usa. In uno, il team di scienziati ha trasformato cellule spermatiche immature in tessuto pancreatico; nell’altro, un team ha utilizzato cellule staminali embrionali per creare tessuto intestinale. Ed entrambi gli studi hanno dimostrato nuovi metodi di utilizzo delle cellule staminali. Un team della George Town University ha lavorato con le cellule staminali spermatogoniche, le cellule principali da cui derivano gli spermatozoi maschili.

Ian Gallicano e i suoi colleghi hanno usato cellule staminali germinali pluripotenti, creati proprio dalle cellule staminali spermatogoniche; hanno coltivato queste cellule in laboratorio con composti progettati per far in modo che queste cellule comincino a comportarsi come cellule-beta del pancreas, quelle che producono insulina; e quando le hanno trapiantate in topi diabetici, queste cellule hanno cominciato a produrre insulina, comportandosi proprio come le cellule-beta del pancreas che l’organismo distrugge erroneamente nel diabete di tipo 1. Attualmente i bambini e i giovani adulti che soffrono del diabete-1 devono assumere insulina per tutta la vita; alcuni vengono invece trattati secondo il cosiddetto protocollo di Edmonton in cui le cellule pancreatiche mancanti sono trapiantate da cadaveri; ma questo tipo di cellule sono piuttosto rare e comunque i pazienti rischiano il rigetto. Intervenendo al congresso dell’American Society for Cell Biology a Philadelphia, Gallicano ha spiegato che per il trapianto potrebbero essere utilizzate le cellule dello stesso paziente e che forse il processo potrebbe funzionare anche per le donne: “Anche se questo tipo di cellule proviene dai testicoli, l’operazione non e’ necessariamente maschio-centrica”, nel senso che nelle donne si potrebbero utilizzare “la controparte femminile, gli ovociti”.Nell’altro studio, James Welles e i suoi collaboratori del Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati, in Ohio, hanno trasformato due diversi tipi di cellule staminali nei complessi strati che costituiscono il tessuto intestinale. I ricercatori hanno utilizzato tanto le cellule staminali embrionali umane (create da embrioni di appena qualche giorno) che cellule staminali pluripotenti indotte (create a partire da cellule normali con l’introduzione di alcuni geni). Entrambi questi tipi di staminali hanno il potere di dare origine a tutte le cellule e i tessuti nel caso vengano coltivate in laboratorio.
Il team ha saputo trasformare queste cellule in qualcosa che hanno battezzato come ‘organoidi’, sezioni di tessuto intestinale fatto dei vari strati di cellule che compongono le viscere (comprese le cellule muscolari e le cellule che rivestono l’interno dell’intestino e che producono alcuni composti vitali). Questi ‘organoidi’ possono essere utilizzati per studiare le malattie intestinali come l’enterocolite necrotizzante, le malattie croniche intestinali, le sindromi dell’intestino-corto; e forse potranno essere usati un giorno anche per poterle curare. (AGI)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi