Sistema immunitario: il blocco d…

Il sistema immunitario u…

Parto indotto, per ridurre morta…

Il travaglio indotto puo'…

Nuove ossa nei macachi, generate…

Dimostrato per la prima v…

La melatonina potrebbe abbassare…

La melatonina potrebbe ab…

Ebola: un nuovo vaccino che stim…

Testato su 120 volontari …

Cellule staminali: lo stomaco ne…

Un nuovo studio ha mostra…

Invecchiamento: studio comprova …

Un nuovo studio condotto …

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

Bastera' un respiro per rivelare…

[caption id="attachment_1…

Tumori del polmone: nuovo test p…

Un nuovo test molecolare …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

‘Un Calcio al Diabete’: parte la Medtronic Diabetes Junior Cup 2011

Milano, 29 aprile 2011 – Hai dai 10 ai 18 anni, il diabete di tipo 1 ma soprattutto una voglia matta di giocare a calcio? Per te l’appuntamento a Milano è il prossimo 12 Giugno 2011, presso il Centro Sportivo Cannavò dell’Idroscalo, con la Coppa Italia della Medtronic Diabetes Junior Cup, il torneo ad eliminazione diretta delle squadre di 8 “piccoli azzurri” che rappresenteranno l’Italia al Quinto Campionato Europeo di Calcio per Giovani con Diabete di tipo I per la categoria junior (10-14 anni) e senior (15-18 anni).

 

La finale si terrà presso lo Stadio Bout-du-monde di Ginevra dal 26 al 28 agosto: due giorni da sogno per i giovani partecipanti, in cui sarà possibile divertirsi, fare amicizia e scambiare le proprie esperienze sul diabete con i circa 200 coetanei provenienti da paesi europei ed extra europei.

 

Partecipare è semplice: basta iscriversi ed inviare la propria candidatura, entro il 15 maggio, al sito: www.juniorcup-diabete.it. Entro pochi giorni saprai se sei stato selezionato tra i 48 ragazzi e ragazze che parteciperanno all’iniziativa.

 

Tuttavia, non basterà solo essere un bravo giocatore di calcio: i ragazzi dovranno sfidare gli altri compagni sul tema dell’alimentazione.

 

“A Ginevra andranno i ragazzi con diabete che avranno dimostrato di essere i più bravi sul campo da gioco e più curiosi rispetto a tutto ciò che è inerente alla loro malattia – dichiara Andrea Scaramuzza, Responsabile del Servizio di Diabetologia della Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Milano presso l’Ospedale Luigi Sacco e medico referente dell’iniziativa – Quest’anno, infatti, le squadre si sfideranno anche in un gioco di abilità il cui tema è l’alimentazione. Un ragazzo con diabete, se ben curato, può svolgere le stesse attività di un coetaneo non diabetico. E negli ultimi anni la tecnologia ha dato un grande aiuto ai ragazzi nel migliorare la loro terapia.”

 

La vera sfida dei giovani partecipanti alla Medtronic Diabetes Junior Cup infatti non è vincere il torneo, ma dimostrare a se stessi e agli altri che avere il diabete non impedisce di essere sportivi e, perché no, di poter raggiungere traguardi importanti.

 

Testimonial dell’evento sportivo, realizzato in collaborazione e con il patrocinio del CONI Provinciale di Milano e della FIGC  (Federazione Italiana Gioco calcio), è Andrea Lucchetta, campione della pallavolo, che ha conquistato il primo oro azzurro a Rio de Janeiro nel 1990 e ha vinto praticamente tutto sia a livello di Club che con la Nazionale italiana.

“Lo sport unisce razza, religione e cultura – dichiara il celebre pallavolista – Non serve essere campioni ma occorrono passione, condivisione e valori da mettere in campo. Queste premesse creano lo spirito di squadra, lo spogliatoio e il team, perché solo giocando insieme si può raggiungere un obiettivo.”

 

Vero protagonista dell’iniziativa è il Leone Lenny, che i giovani con diabete conoscono già molto bene perché personaggio “mascotte” di sessioni e moduli didattici in video e libri illustrativi per far conoscere ancora meglio il diabete di tipo 1.

 

Il diabete di tipo 1, una volta chiamato insulino-dipendente, è una malattia autoimmune che solo in Italia colpisce 250.000 persone, di cui 20.000 tra gli 0 e i 18 anni, caratterizzata dall’incapacità del pancreas di produrre insulina, che pertanto deve essere iniettata ogni giorno e per tutta la vita. In questo tipo di diabete, l’alimentazione non è causa della malattia, ma diventa elemento critico nella gestione della patologia, in quanto spesso associato al concetto di restrizione e limitazione dell’assunzione di alcuni cibi, perché dannosi.

 

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x