Placche aterosclerotiche che svi…

In poco tempo lo sviluppo…

Densità mammaria e rischio di sv…

Le donne il cui seno appa…

Eutanasia: Fondazione Maruzza (c…

La Fondazione Maruzza, da…

Tumori e leucemie: uno studio it…

(Adnkronos Salute) - Da u…

Alzheimer: come la proteina beta…

La proteina beta amiloide…

Amebiasi: l'ameba che uccide le …

L'Entamoeba histolytica, …

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

Dislessia: la natura genetica è …

E' ormai accertata la na…

Endometriosi esterna e adenomios…

[caption id="attachment_8…

Ecco come il nostro cervello sin…

Onde cerebrali «sincroniz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antidolorifico non oppiaceo estratto da una pianta, formula naturale

La rivista Nature Chemistry ha pubblicato un metodo per la sintesi in laboratorio della conolidina, un composto di origine naturale dalle proprieta’ antidolorifiche che non presenterebbe gli effetti collaterali riscontrati negli oppiacei.

Nello studio eseguito sui topi dai ricercatori dello Scripps Research Institute di Jupiter (Florida) coordinati dal chimico Glenn Micalizio e’ stato infatti dimostrato che, contrariamente agli effetti provocati dalla morfina, la conolidina non influenza l’attivita’ motoria e allevia il dolore cronico agendo su vie biologiche diverse da quelle interessate dagli oppiacei.

La conolidina e’ pero’ ricavabile in dosi molto basse dalla pianta tropicale Tabernaemontana divaricata, da cui proviene; secondo Micalizio un nuovo metodo per riprodurla in laboratorio ”sarebbe certamente un buon punto di partenza” per la diffusione su larga scala.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi