Neonati prematuri: quali sono le…

Nel mondo, sono circa 15 …

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Malattia di Huntington: nuovo tr…

Un trattamento 'prometten…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Esercizi aerobici negli anziani …

L'esercizio aerobico aume…

Ru486

[caption id="attachme…

La scala gerarchica dei circuiti…

Più che un insieme di sin…

Gli scienziati controllano il "c…

[caption id="attachme…

Cardiologia: anomalie nei mitoco…

Identificati possibili re…

Infezioni batteriche ostacolate …

Per combattere le infezio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità e diabete: meno rischio di tumori con ‘lavoro’ di prevenzione

Prevenire obesità e diabete per ridurre il rischio di tumori. Tra i diversi rischi di complicanze legati al diabete mellito di tipo 2, malattia in costante crescita insieme all’obesità, ci sono infatti anche le patologie oncologiche, come è stato dimostrato di recente.

Da qui la necessità di contrastare l’avanzata della malattia, come spiegano gli esperti riuniti per il 35esimo Congresso nazionale della Società italiana di endocrinologia (Sie), in corso fino a domani a Montesilvano (Pescara). “Nonostante si sappia da tempo – illustra Antonino Belfiore, endocrinologo all’università di Catanzaro – che il diabete si associa a importanti complicanze croniche, quali quelle cardiovascolari, renali e oculari, solo recentemente è stato dimostrato quanto queste due patologie si associano a un aumentato rischio di sviluppare tumori maligni. Inoltre nel paziente neoplastico, obesità e diabete si associano spesso a una prognosi peggiore”.


“Una serie di studi – aggiunge Antonino Belfiore – ha portato alla conclusione che questo aumentato rischio tumori è dovuto principalmente all’aumento dell’insulina circolante (iperinsulinemia) conseguente a una resistenza periferica all’azione dell’insulina che si verifica sia nei pazienti obesi che nei pazienti con diabete di tipo 2. L’iperinsulinemia promuove – sottolinea l’esperto – la crescita cellulare in maniera sia diretta che indiretta. Studi del nostro gruppo – dice – hanno evidenziato che le cellule tumorali sono particolarmente sensibili all’azione dell’insulina perché esprimono alti livelli di recettore insulinico e specialmente della sua isoforma fetale (isoforma A o IR-A). Inoltre, le cellule staminali maligne, che sono quelle che danno inizio al tumore, esprimono livelli ancora più alti di IR-A”. Tutte indicazioni che potrebbero essere utile per la ricerca di nuove terapie.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x