Emofilia B: risultati dello stud…

SOBI (Swedish Orphan Bi…

Le proprieta' anti-cancro del cu…

La speranza contro il can…

Matrimoni infelici causano gravi…

Le relazioni di coppia, i…

Radioterapia: nanoparticelle per…

Con l’utilizzo di nanopar…

Danni all'udito: un singolo even…

Un solo concerto rock o u…

Vacanze a prova di incontinenza

Consigli pratici degli es…

Bonus Bebè: la proposta piace ai…

Il bonus di 960 euro annu…

Dal CNR uno studio su due prote…

[caption id="attachme…

Contraccezione "al maschile": st…

Sono promettenti i primi …

Vitamina D: sempre piu' evidente…

Nel trattamento del linfo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al pancreas: virus geneticamente modificato arriva alle cellule malate e le distrugge

Virus geneticamente modificati che attaccano e uccidono le cellule facendole ‘scoppiare’ potrebbero essere una nuova frontiera nella lotta al cancro. Infatti si sono dimostrati in grado, per ora in esperimenti di laboratorio, di uccidere in modo selettivo le cellule staminali alla radice di molti tumori.

Questi virus, quindi, potrebbero essere impiegati con successo contro quelle neoplasie che resistono ai farmaci convenzionali, soprattutto il cancro al pancreas, spiegano i ricercatori del Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York presentando oggi i loro risultati al Digestive Disease Week 2011 in corso a Chicago.

Gli esperti, guidati da Joyce Wong, hanno modificato geneticamente dei virus naturalmente circolanti capaci di uccidere le cellule infettate praticamente facendole scoppiare, rompendone la membrana, per renderli innocui per l’organismo e selettivi contro il tumore.

Si ottengono cosi’ i virus killer che puntano soltanto le cellule tumorali. Gli esperti hanno provato in laboratorio l’efficacia di questi virus contro le cellule staminali del cancro al pancreas, cioe’ la sorgente di questo feroce tumore che ancora non si riesce a domare con le terapie convenzionali. Il cammino dei virus verso il loro target e’ stato seguito dai ricercatori ”appiccicando” loro un’etichetta fluorescente verde. L’esperimento ha funzionato, i virus si sono dimostrati in grado di uccidere le staminali malate e quindi di estirpare il tumore alla radice. Naturalmente servono altri esperimenti per capire se la stessa tecnica puo’ essere efficace e sicura sui pazienti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!