Malati Sclerosi Multipla chiedon…

[caption id="attachment_…

Infarto: evento grave soprattutt…

L'entita' di un attacco d…

Peptide derivato del latte contr…

Ricercatori scoprono che …

Procreazione assistita: il sì de…

Il Regno Unito potreb…

La proteina IL-17 A rivela un ru…

[caption id="attachment_8…

Cellule nervose ottenute da cell…

Un gruppo di scienziati …

Obesità: in un futuro prossimo s…

Vaccini e antibiotici, ch…

Risparmio nel medio –- lungo ter…

RISPARMIO NEL MEDIO – LUN…

AIDS: da medicinali generici la …

L'uso di medicinali gene…

Ipertensione arteriosa: tutta co…

Pressione arteriosa, quan…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’Ospedale Pisano: miglior centro UE per la cura del piede diabetico

La sezione Piede diabetico dell’Unità operativa di Diabetologia e malattie del metabolismo dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana è il miglior centro europeo per il trattamento di questa grave complicanza del diabete, merito di un team multidisciplinare e di tecniche all’avanguardia.

Pisa, 5 settembre 2011   – Cinquanta visite al giorno, sei giorni su sette, a pazienti provenienti da tutta Italia e anche da Paesi europei. Sono gli ammalati di diabete mellito che soffrono di complicanze agli arti inferiori talmente gravi da portare spesso all’amputazione. A Pisa si cerca di evitarlo con cure all’avanguardia tanto che la Sezione Piede diabetico, nata nel 1989, all’interno dell’Unità operativa di Malattie del metabolismo e Diabetologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana, e diretta dal prof. Alberto Piaggesi, è ormai un centro di riferimento per la cura di questa patologia. Il prof. Piaggesi è inoltre il promotore di un corso annuale, giunto alla sua tredicesima edizione, che è considerato dalla comunità scientifica internazionale il corso di massimo livello per la formazione specialistica del settore. L’ultimo si è svolto a Pisa e ha radunato ottanta medici, podologi e tecnici ortopedici da tutt’Italia.

“Il corso, di taglio clinico e applicativo, è diventato un appuntamento di riferimento per gli specialisti del settore. Quest’anno sono state toccate le tematiche inerenti al trattamento del piede diabetico, a partire dalla diagnosi fino alle novità della terapia. Hanno riscosso un particolare interesse i nuovi trattamenti a base di tessuti sostitutivi biotecnologici. Si tratta di membrane a base di collagene o di altri materiali biologici generati con biotecnologie d’avanguardia. Tali prodotti, una volta applicati, favoriscono la proliferazione di cellule epiteliali in grado di riparare i tessuti danneggiati. Si utilizzano soprattutto per ulcere profonde ma anche per favorire il recupero a seguito di amputazioni”.

In Italia sono 3 milioni e mezzo i malati di diabete e di questi uno su 4 svilupperà il piede diabetico, che rappresenta tuttora la causa più frequente di amputazione nei paesi industrializzati. Nel mondo avviene un’amputazione ogni 30 secondi e solo in Toscana tra le 500-600 l’anno. Oggi si cominciano a registrare sostanziali novità nella cura delle complicanze del diabete agli arti inferiori e i risultati appaiono incoraggianti.

“Le membrane a base di collagene o di altri materiali biologici – spiega il prof. Piaggesi – sono utili nell’accelerare il processo di guarigione, laddove siano presenti lesioni profonde, dovute alla patologia o ad interventi di amputazione. Tali dispositivi, che vengono applicati in ospedale, devono essere integrati a una strategia terapeutica completa, che comprende lo scarico delle lesioni, la terapia chirurgica, il controllo dell’infezione e la rivascolarizzazione. Il  loro utilizzo aiuta a ridurre i tempi di ripresa, con vantaggi sulla qualità di vita del paziente e sui costi di ospedalizzazione.

 

Nella maggior parte dei casi – aggiunge – si applicano a pazienti molto gravi, che arrivano in ospedale con situazioni compromesse. I sostituti dermici presentano caratteristiche particolari: da un punto di vista biomeccanico si adattano al piede, poiché non impediscono il movimento e permettono di ottenere ricostruzioni molto profonde sia dell’epidermide che dei legamenti. In alcuni casi vengono addirittura utilizzati per sostituire in parte le funzioni del tessuto osseo. Grazie a queste caratteristiche, il loro utilizzo permette di evitare amputazioni”.

Le prime applicazioni di sostituti dermici sono già state effettuate a Pisa con successo ma in generale si può affermare che la miglior difesa nei confronti della malattia resta la prevenzione e l’attenzione ai segnali d’allarme.

 “Occorre rivolgersi al proprio medico quando si notano i segni caratteristici  della patologia come la pelle secca, sottile e screpolata, il deformarsi progressivo del piede, sbalzi di temperatura dell’arto. Talvolta sulla pianta del piede possono comparire delle callosità che non fanno male e quindi vengono sottovalutate. Tuttavia, se non curate, si possono trasformare in lesioni ulcerative”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!