Chirurgia al laser per intervent…

Gli interventi chirurgici…

Il dolore pediatrico, c’è e va c…

Il Poster, realizzato con…

Leucemia mieloide acuta: le orig…

Una mutazione genetica pr…

Cervello, una proteina rafforza …

[caption id="attachment_1…

La risposta dell'insulina e la s…

Vivere contro l'orologio …

Metodo Stamina: le basi su cui s…

Il metodo Stamina, messo …

Hiv, informazione e responsabili…

“Più educazione sessuale …

Trapianto di polmone da donatore…

Al Policlinico di Milano …

Teva, tutte le risposte per la S…

Milano, 11 novembre 2014 …

Il morbo della mucca pazza: cos'…

Il morbo della mucca pazz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dipendenze e alcolismo: un gene impedisce il recupero

E’ un gene ad impedire il recupero dall’alcolismo. La scoperta coinvolge esclusivamente le persone alcol-dipendenti che riportano una particolare variante genetica, caratteristica che causa anche un maggiore rischio di morte prematura.

E’ il risultato di una indagine interdisciplinare promossa dal Dipartimento di Psicologia dell’Universita’ di Gothenburg, in Svezia. I ricercatori stanno studiando il gene del recettore della dopamina D2 e hanno scoperto che una sua variante e’ ‘sovra-rappresentata’ nelle persone con grave dipendenza dall’alcol. Peculiarita’ collegata a un alto numero di conseguenze negative di vitale importanza per i soggetti a rischio.

“La nostra ricerca dimostra che gli alcolisti portatori di questa variante genetica, aumentano di 10 volte le possibilita’ di morire prematuramente rispetto alla popolazione media”, ha detto Claudia Fahlke, responsabile del gruppo di ricerca. Lo studio pubblicato sulla rivista ‘Alcohol e Alcoholism’ dimostra che questa variante del gene appare associata ad una maggiore tendenza ad incorrere in ricadute, anche dopo trattamenti e terapie volti a buon fine nel superamento della dipendenza. L’indagine fornisce una spiegazione efficace ai tassi di mortalita’ piu’ elevati nelle persone affette da dipendenza da alcool, portatori di questa variante genica. “Questa consapevolezza – ha precisato Jan Balldin, docente dell’Universita’ di Goteborg – sottolinea l’importanza di sviluppare metodi per l’identificazione precoce degli individui portatori di questa variante genetica, per prevenire e fronteggiare in tempo le serie conseguenze dettate dal Dna”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x