Al Besta messa a punto cura cont…

[caption id="attachment_8…

Italiani sedentari: sovrappeso u…

Sedentari, poco sportivi,…

Cosa fa funzionare i mitocondri

[caption id="attachment_8…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Autismo e schizofrenia condivido…

[caption id="attachment_9…

Il laser di nuova generazione pe…

[caption id="attachment_…

La chiave della 'speciazione' e'…

[caption id="attachment_7…

Disturbo da deficit di attenzion…

È così il vostro bambino?…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sapore “grasso” è un gene, che fa percepire il sesto senso dalla lingua

Non solo dolce, salato, amaro, acido e umami (il quinto gusto, recentemente scoperto, che in giapponese significa “saporito” e indica il sapore di glutammato): un gruppo di studiosi statunitensi della Washington University School of Medicine ha scoperto che la lingua umana ha delle papille apposite anche per la degustazione del sapore “grasso”, il “sesto senso” della lingua e che, in particolare, i cibi “fat” risultano nello specifico graditi a chi possiede un particolare gene nel proprio Dna, il gene CD36: più è attivo, maggiore è la sensibilità al gusto grasso.


Viceversa, meno il gene è attivo, meno si è sensibili ai cibi grassi e più difficilmente, quindi, si risulta soddisfatti da questo tipo di alimenti. In particolare, spiegano gli autori dello studio, esiste una variante “pigra” di questo gene che riduce la sensibilità ai grassi e spinge dunque a mangiare quantità maggiori di questo tipo di cibi per soddisfare il palato, accrescendo per questi soggetti il rischio-obesità, che riguarda circa il 20% circa ella popolazione. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Lipid Research.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x