Merck Serono e Opexa Therapeutic…

   Merck Serono ottiene u…

Ossa e cartilagine rigenerate gr…

In futuro le fratture oss…

Wise acquisisce la società farma…

Milano, 19 gennaio 2015 -…

AIRP presenta il libro "Dentro d…

“ARPKD chiama, AIRP rispo…

Nuovo filo da sutura con cellule…

[caption id="attachme…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Cannabinoidi efficaci contro sin…

[caption id="attachment_9…

Sclerosi Multipa: scienziati tro…

[caption id="attachment_1…

Il Governo Monti dice 'no' ai ri…

Roma, 21 dicembre 2012. R…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sapore “grasso” è un gene, che fa percepire il sesto senso dalla lingua

Non solo dolce, salato, amaro, acido e umami (il quinto gusto, recentemente scoperto, che in giapponese significa “saporito” e indica il sapore di glutammato): un gruppo di studiosi statunitensi della Washington University School of Medicine ha scoperto che la lingua umana ha delle papille apposite anche per la degustazione del sapore “grasso”, il “sesto senso” della lingua e che, in particolare, i cibi “fat” risultano nello specifico graditi a chi possiede un particolare gene nel proprio Dna, il gene CD36: più è attivo, maggiore è la sensibilità al gusto grasso.


Viceversa, meno il gene è attivo, meno si è sensibili ai cibi grassi e più difficilmente, quindi, si risulta soddisfatti da questo tipo di alimenti. In particolare, spiegano gli autori dello studio, esiste una variante “pigra” di questo gene che riduce la sensibilità ai grassi e spinge dunque a mangiare quantità maggiori di questo tipo di cibi per soddisfare il palato, accrescendo per questi soggetti il rischio-obesità, che riguarda circa il 20% circa ella popolazione. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Lipid Research.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi